Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Vanessa Selbst addio a PokerStars e al poker: la prima (brutta) notizia del 2018

  • Scritto da Cesare Antonini

Vanessa Selbst lascia il team pro PokerStars e il mondo del poker: ecco le sua frasi shock: 'Non dirò più ai recreational players che possono vincere".  

E’ davvero la notizia più importante con cui si è chiuso l’anno pokeristico 2017 e riparte quello 2018: Vanessa Selbst non farà più parte del team pro PokerStars dopo anni di militanza e ha deciso di lasciare totalmente (o quasi) il mondo del poker dopo aver scritto pagine di grande gioco live imponendosi come migliore giocatrice di sempre con circa 12 milioni di dollari vinti in carriera. Oltre ad essere tra i migliori giocatori di poker al mondo ha vinto il doppio dei soldi rispetto alla seconda della Women’s All Time Money List, Kathy Liebert.

Non possiamo che dedicarle il nostro primo editoriale del 2018 per tutto quello che ha fatto nel mondo del poker, per la sua pazzesca qualità e la run imponente di qualche anno fa e anche per il suo impegno nel promuovere e nel guadagnarsi il rispetto dei diritti civili.

Tuttavia alcune sue dichiarazioni rilasciate tramite la sua pagina Facebook nell’eloquente post “Poker Retirement”, non ci convincono appieno. Parliamo di livelli altissimi e non ci permetteremmo mai di giudicare le parole di uno dei membri del gotha del poker mondiale.
Ma alcuni tratti del suo striminzito post non piaceranno a tanti fans e followers: “Il poker mi ha dato molto negli ultimi 12 anni; è stata una sfida divertente, esilarante e molto remunerativa. Mi ha dato la possibilità di viaggiare e fare amicizie in giro per il mondo.  Tanti mi chiedono perché lascio. Non c’è una ragione specifica, ma una serie di fattori più o meno importanti. Sento che è il momento giusto. La ragione più ovvia riguarda il Black Friday che ha costretto i pro americani a stare lontano da casa per il 90% del tempo. Quando hai 20 anni va bene, ma a 30 anni le priorità cambiano. Voglio una casa stabile e una famiglia”. Giustissima la motivazione del Black Friday e della famiglia. Indubbiamente deve essere pesante aver vissuto questi anni lontano al New York per la maggior parte del tempo.
Ma quello che colpisce di più è questa rivelazione: “Non mi va più di fare l’ambasciatrice del poker. Non posso continuare a dire agli amatori di giocare online perché non è vero che possono vincere”.
Come come come? Quindi finora Vanessa avrebbe imbrogliato i recreational players? Una bella bomba da chi si era impegnata anche a promuovere il poker nel New Jersey e partecipando a tutte le iniziative di PokerStars. Parole pesanti che lanciate in pasto alla community che ha sempre promosso fanno riflettere.
Vanessa, comunque, è una super professionista e i suoi ultimi periodi da giocatrice non sono stati così brillanti: meglio quittare? “Per finire, sarà perché il poker è diventato più competitivo e/o perché sono invecchiata, ma il poker ultimamente è diventato un lavoro vero che richiede tanto impegno e tanta disciplina. Non ho mai considerato il poker in questo modo, ho sempre giocato per divertimento. Mi sono chiesta se avrei dovuto cambiare la mia relazione con il gioco o no”.
Adesso la Selbst si lancerà nel campo dei fondi di investimenti: “Farò ricerca nel campo del trading. Ci sto lavorando da quattro mesi e mi ricorda un po’ il poker degli inizi, perché siamo un gruppo di giovani nerd che cercano di battere gli avversari. Non è facile però. C’è molto da imparare”.
Un’altra pensionata d’oro del poker mondiale? Alla Holz? “Non so quanto durerà questa mia nuova carriera, comunque non lascerò mai del tutto i tavoli da poker. Spero di fare come Fedor Holz, che ha shippato alla grande dopo essersi ufficialmente ritirato. Scherzi a parte, ho sempre amato il gioco e la sua gente. Sono contenta di aver vissuto tanti anni nel mondo del poker“.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.