Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Capolavoro di Speranza al main Wsop Europe, il vero campione del mondo è lui

  • Scritto da Cesare Antonini

Gianluca Speranza runner up di un final table lunghissimo e durissimo: sfuma il titolo di campione del mondo, 689mila euro il suo premio. 

Una cavalcata pazzesca che non doveva finire così. Un final table six handed durato ben 14 ore, dalle 12:30 alle 2:30 del giorno dopo per una sfida avvincente, epica, che di sicuro rimarrà nella storia del poker mondiale. Purtroppo la notizia per l’Italia è che Gianluca Speranza ha visto sfumare il Wsop Europe bracelet del main event dell’edizione 2017 giocata al King’s Casino di Rozvadov. Per lui una seconda piazza da 689.246 dollari su 529 players che avevano pagato un buy in da 10.350 euro per un prize pool superiore ai 5 milioni di cui 1,1 andavano al primo classificato. Che risponde al nome di Marti Roca De Torres, player qualificato online al torneo per 250 euro su 888Poker.

Ci sono volute 269 mani per decidere il campione. Ecco l’ultima, decisiva: De Torres manda tutto per 12,7 milioni con Gianluca Speranza che chiama 12,7 milioni di gettoni con AJ offsuited. Roca ha coppia di 5.
Flip vinto al flop su A93 rainbow. Al turn scende un 5 di cuori che Speranza si ricorderà per tutta la vita, non ne abbiamo dubbi. River 9 e il braccialetto e gli 1,1 milioni di euro vanno dalla parte dello spagnolo. Per Gianluca il miglior cash della carriera da 689.246 euro. Non è un lampo occasionale questo successo di Gianluca che in un colpo raddoppia le sue vincite in carriera partendo da una serie di ottimi risultati che arrivano dalle Wsop di Las Vegas al Championship di Barcellona. L’avevamo rivisto proprio nella Sin City con piacere e ci aveva spiegato il suo approccio nuovo al gioco e la voglia di centrare un ottimo risultato. Ci aveva dato l’impressione di un player ritrovato che aveva fatto un lavoro importante su se stesso. E questo risultato è un grande rimpianto per lui e per l’Italia ma la sua grande consacrazione.
Il suo late stage è stato pazzesco. Ha saputo giocare short stack in mezzo ai grandissimi campioni che erano nel field di Rozvadov. A 12 left aveva 1,2 milioni con Maria Ho che era super chip leader. Poi è riuscito a incrementare il suo stack nel day5 portandosi quasi a 3 milioni scendendo a 2 per poi raddoppiare e chiudere terzo in chips a 4,4 milioni. diciamocelo sembrava il torneo ideale per consacrare Maria Ho o Nial Farrell, due top player, davvero. E, invece, come spesso accade, chi entra da “Papa” spesso esce da “cardinale”. Una vera svolta per Gianluca l’all in a tre tra la Ho, Farrell e De Torres: AJ vs KK vs AA, board liscio e niente da fare per gli altri due. La strada per Speranza e gli altri era decisamente più in discesa. Poi, però, la fase da 4 left all’heads up è stata lunghissima e caratterizzata da un gioco small ball senza scoppi e mani pazzesche ma decisamente tecnica e bella da vedere.
Gianluca aveva capito, come ha dichiarato a margine del torneo, di avere edge sui 4 left dopo la doppia clamorosa uscita. Ha quindi trascinato il torneo più a lungo possibile e quando era short non ha mai smesso di provare a giocare. L’abbiamo visto allargare i range anche da short per poi cbettare su alcuni flop con overcard e trovare sempre gli avversari pieni. Gianluca non si è mai splashato giveuppando i colpi quando doveva riuscendo a salire piano piano e portare gli avversari dove volevano.
Forse quando era in vantaggio quasi 3 a 1 in chips doveva abbandonare lo small ball e ragionare più da winner. Ma non è stata paura, intendiamoci. E ridurre in poche frasi una sfida durata oltre 6 ore è davvero da evitare. Gianluca poteva vincere sia continuando a rosicchiare piano piano lo stack di De Torres che provando a giocare qualche match point. Chiaramente quando vinci un flip decisivo alla discesa del flop e al turn l’avversario effettua il sorpasso decisivo c’è poco da fare. Sembra una sconfitta ai rigori: una partita magnifica pareggiata fino alla fine e che solo un “calcio piazzato” come quello poteva sbloccare. Le carte ci hanno detto che il main Wsop Europe non lo dobbiamo ancora vincere. Gianluca non riesce a migliorare il record di Fabrizio Baldassari a Londra contro James Bord. Dobbiamo accettare questo amaro destino. Ma sappiamo ancora una volta di più che possiamo battere tutto il field mondiale perché siamo bravi. Non perdiamo mai la Speranza.
 
I risultati:
 
1.Marti Roca De Torres SPA 1.115.207€
2.Gianluca Speranza ITA 689.246€
3.Mathijs Jonkers OLA 476.585€
4.Robert Bickley UK 335.089€
5.Niall Farrell UK 239.639€
6.Maria Ho USA 174.365€
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.