Logo

Ancora crush dei software partypoker: Yong promette soluzioni

Rob Young si scusa per la mancanza di risposte sui crush dei software partypoker che si sono verificati e assicura il suo impegno per far diventare più stabile la piattaforma.

“Scusate la mancanza di risposte, ho avuto qualche jetlag. Non posso continuare a scusarmi per questi crash di partypoker, ma martedì incontrerò Tom Waters e vi riferirò quale è il piano per far diventare molto più stabile la piattaforma”. Questa la risposta di Rob Yong, volto social ormai della room dal diamante arancione, che ha visto i suoi clienti ancora molto frustrati ai tavoli nei tornei domenicali per l’ennesima prematura caduta dei server.

Il programma del torneo era, per ovvie ragioni, il più colpito da problemi di instabilità. L’effetto domino è stato esteso alla sezione di poker live, poiché l'autunno ha costretto il rinvio del primo giorno per i tornei heads up, ma l'effetto più noto e controverso è stata la cancellazione del secondo giorno del PP Millions.

Tutte le promo, le leve marketing adottate e i passaggi adottati dal team responsabile dell’intrattenimento per rendere più attraente la room si stanno sfaldando per questa tragica situazione del server. E metterci la faccia per Yong è sempre più difficile. Ovvio.

Ma ha dovuto di nuovo chiedere perdono, visibilmente turbato. "Dover chiedere di nuovo perdono è vergognoso, come lo è sempre. Mi dispiace, mi dispiace, mi dispiace posso solo dire che ci sentiamo male come i giocatori".

E ancora: “Abbiamo tutte queste buone idee, buoni giochi cash, con numeri migliori ogni anno e ogni volta che subiamo queste battute d'arresto riprenderci è ancora più difficile. Il software è piuttosto instabile e queste ultime quattro settimane sono state particolarmente cattive".

 

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.