Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Le poker room parigine contro il lockdown: 'Senza contagi ma con meno diritti di chi rimane aperto'

  • Scritto da Cesare Antonini

Il sindacato dei lavoratori delle case da gioco parigine, Force Ouvrière, protesta contro il lockdown: 'Noi senza contagi e discriminati rispetto ad altre attività'. 

Dopo i vertici del Club Circus Paris, anche il sindacato Force Ouvrière ha protestato contro la chiusura dei club di gioco della capitale francese. Il sindacato, che rappresenta gran parte del personale delle case da gioco, denuncia in un comunicato i danni economici e sociali causati dalla chiusura delle imprese. Il sindacato avvia un ricorso al ministero dell'Interno. "Dalla ripresa dell'attività, i casinò e le società di gioco hanno adottato rigorosi protocolli sanitari, tanto che nelle nostre aziende non è stato individuato alcun cluster di positività al Covid-19. Tuttavia, gli annunci della chiusura dei club di gioco sfuggono completamente a questa realtà. Allo stesso tempo, molte altre attività continueranno senza ulteriori restrizioni come cinema, teatri, musei, negozi. Altri possono continuare, modificando leggermente i protocolli esistenti come ristoranti, supermercati e altri grandi marchi. Si suggerisce che il virus circoli solo in alcune società e non in altre.

Ma chi stiamo prendendo in giro? Questa decisione del tutto iniqua priva di qualsiasi base giuridica ostracizza ulteriormente una professione e dipendenti che si sono dimostrati irreprensibili.  La conseguenza è che alcuni non sopravviveranno a questa nuova chiusura”.

A dare seguito a queste parole il Force Ouvrière ha presentato “con effetto immediato, un appello gerarchico al Ministro dell'Interno per far valere le nostre argomentazioni legali, ma anche per dimostrare la nostra profonda soddisfazione. Casinò e club di gioco hanno meno diritti di altri e questa situazione, che non ha posto nella Repubblica, è durata troppo a lungo”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.