Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Roos (Winamax): 'Espansione nei mercati regolati', Germania ok, in Italia solo betting

  • Scritto da Ca

Alexandre Roos, numero uno di Winamax, si confessa su un giornale francese e annuncia espansioni in Germania e in Italia ma solo col betting. 

"Vorremmo espanderci in altri paesi europei, a seconda degli sviluppi legislativi, come siamo riusciti a fare di recente in Spagna". La prossima frontiera dovrebbe essere la Germania. L'Italia era nei piani ma, a breve, dovrebbero partire solo con le scommesse sportive. Sono le parole di Alexandre Roos, numero uno di Winamax insieme al suo partner e amico d'infanzia, Christophe Schaming, che ha rilasciato un'intervista piuttosto completa a Cnews.fr sulla situazione del poker in Francia e in tutta Europa anche in relazione al lockdown.

Roos ha parlato anche del successo clamoroso di una room che nel suo paese ha battuto la concorrenza di una room mondiale come PokerStars: "È sempre complicato prevedere gli scenari, ancora di più quando si apre un mercato. Ci sono così tanti parametri. Pochi mesi e settimane prima dell'apertura del mercato, la data di apertura era ancora molto sfocata. Ma ci abbiamo creduto, altrimenti non avremmo intrapreso l'avventura. Avevamo tutti gli ingredienti per il successo. Il miglior ambasciatore francese (Patrick Bruel, ndr), una piattaforma di gioco sviluppata internamente molto solida, una comunicazione diversa dagli altri operatori che è stata accolta molto bene e una community con la quale siamo avanzati insieme nell'avventura e che ci ha aiutato ha aiutato a prendere la strada giusta con feedback quasi giornalieri tramite i forum di poker".

Winamax è stato un pioniere in diversi campi, in particolare con Expressos: "Siamo stati i primi a lanciare questo formato, che è stato ampiamente adottato da tutti gli operatori di tutto il mondo, ma soprattutto siamo stati i primi a portare il poker con soldi veri sui telefoni. Una delle parole d'ordine con noi, e dal lancio, è stata un'innovazione a settimana. Che sia tecnologico o di marketing. Incoraggia a non mollare, anche di più quando tutto va bene".
Com'è andata in lockdown? "È stato un momento difficile per tutti. Tutte le squadre lavoravano da casa, mentre noi siamo abituati a stare sempre tutti insieme. Abbiamo dovuto adattarci, il che non è sempre facile. Ma abbiamo fatto bene e non ci lamentiamo. Il poker ha vissuto una vera rinascita con il lockdown. Le persone sentivano il bisogno di incontrarsi ai tavoli, soprattutto negli home games, dove gli amici potevano semplicemente giocare tra loro. Il poker ha permesso un po' di connessione sociale in un momento in cui eravamo tutti tagliati fuori da ciò che ci circondava. Alcuni giorni raggiungiamo picchi fino a 10.000 nuovi giocatori".

Il live di Winamax è stato totalmente sospeso: "Per il momento siamo stati costretti a cancellare tutto. Avremmo potuto adattarci, ma non è nello spirito di Winamax fare le cose a metà durante gli eventi dal vivo. Quindi, abbiamo preferito cancellare gli eventi e vedremo in base agli sviluppi sanitari. Ma è vero che questi eventi mancano ai giocatori e anche ai dipendenti che erano soliti recarsi agli eventi. È un momento speciale con la nostra comunità".
E come vedi il futuro del poker in Francia? "Il poker online continua a crescere in Francia, ancora di più negli ultimi mesi. E possiamo dire che ora è completamente entrato nella vita dei francesi, non è una moda e basta come abbiamo potuto dire per anni".
L'assenza di liquidità condivisa ha bloccato l'ingresso di Winamax che, per il momento lancierà solo le scommesse sportive. Peccato perché continuiamo a credere che la concorrenza stimoli il mercato e aiuti anche chi vede arrivare un altro competitor a contendersi la propria "fetta di torta".
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.