Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Pronti i tavoli di poker online in Michigan ma le room al via saranno sempre le stesse

  • Scritto da Cesare Antonini

Oltre 50 operatori di gioco online pronti a sbarcare in Michigan ma saranno pochissime le poker room pronte allo start. 

Il Michigan ha legalizzato il poker online nel dicembre del 2019 con la firma dell’House Bill n.4311da parte del governatore Gretchen Whitmer.  Le prime partite ai tavoli dovrebbero partite tra poche settimane ma qual è la situazione degli operatori, delle licenze e dell’offerta che ci sarà sulle room pronte al via.

Il pacchetto, ora denominato Lawful Internet Gaming Act del Michigan, ha aperto le porte dello Stato al poker online, al gioco d'azzardo nei casinò online, alle scommesse sportive e ai daily fantasy sport, mettendo il Michigan Gaming Control Board (MGCB) a capo di tutte le operazioni.

Da quel momento, nel punto del mercato di PokerNews, quasi 50 operatori di gioco d'azzardo hanno richiesto una licenza. Anche se non tutte queste società dovrebbero lanciare un sito di poker online, l'elenco dei candidati ci dà una buona idea di cosa aspettarsi per il prossimo mercato del poker del Michigan.

PokerStars MI: Sì. PokerStars dovrebbe essere lanciato nel Michigan sin dal primo giorno. Si prevede che il sito di poker online più grande del mondo inizi a offrire giochi di poker con soldi veri nel Michigan sin da subito.

Lo Stars Group ha firmato un accordo con le Little Traverse Bay Bands of Odawa Indians Gaming Authority a gennaio e da allora ha preparato il lancio di poker, casinò e scommesse.

Mentre ci aspettiamo che il gruppo entri nell'arena delle scommesse sportive e dei casinò online con i marchi FOXBet e FanDuel, non abbiamo dubbi che tutte le loro operazioni di poker verranno incanalate attraverso l'imminente PokerStars MI.

Il marchio PokerStars è già attivo nel New Jersey e in Pennsylvania attraverso i suoi siti web PokerStars NJ e PokerStars PA. Un ottimo viatico per la liquidità condivisa.

partypoker MI: Sì. La battaglia in corso tra PokerStars e partypoker per una posizione di leadership nel mercato del poker statunitense non si fermerà presto, dato che le due room opereranno fianco a fianco nel Michigan.

Per assicurarsi un inizio precoce nello stato, Roar Digital (la società che gestisce le operazioni di partypoker negli Stati Uniti) ha firmato un accordo di partnership con l'MGM Grand Detroit. Ci aspettiamo che questo si traduca in un prodotto che guadagnerà il marchio "party", guadagnandosi una presenza significativa sia nel mercato del poker che in quello dei casinò nel processo.

Il lancio di un prodotto MI di partypoker insieme a PokerStars replica lo stesso scenario che abbiamo visto nel New Jersey, dove i due detengono le maggiori quote di mercato e continuano a lottare per l'acquisizione di nuovi giocatori con enormi serie di tornei e promozioni online.

Se il New Jersey è un'indicazione di come potrebbero andare le cose in Michigan, è lecito ritenere che ROAR / party inizierà le loro operazioni nello stato con una serie di campagne di acquisizione aggressive che cercheranno di mettere il marchio davanti a PokerStars sin dall'inizio .

888poker MI: No. La room della triple eight non ha richiesto una licenza per il gioco d'azzardo nel Michigan. Il gigante del gioco con sede in Israele non sembra aver stipulato un accordo con nessuno dei casinò terrestri nello stato e quindi non si prevede che venga lanciato nel Michigan nell'immediato futuro.

WSOP.com MI: No. Il client WSOP.com non sarà disponibile in Michigan. Anche Caesars Interactive Entertainment (CIE), la società che gestisce il sito di poker WSOP.com, non è nella lista di coloro che dovrebbero iniziare presto in Michigan.

Anche se il software di poker WSOP.com potrebbe non essere così popolare o apprezzato come quelli di PokerStars e partypoker, l'assenza del marchio WSOP.com in Michigan è qualcosa che i giocatori sentiranno, specialmente se il 2021 porterà un'altra edizione online di le World Series of Poker.

GGPoker MI: No. Non ci sarà GGPoker per i giocatori in Michigan. Nessuna licenza anche GGPoker potrebbe crescere in popolarità negli Stati Uniti nelle prossime settimane.

Il sito di poker emergente che ha cambiato il poker online nel 2020 con il lancio delle World Series of Poker online e molte funzionalità innovative è assai silenzioso quando parla degli Stati Uniti.

Altri candidati? L'elenco dei candidati interessati ad ottenere una licenza di gioco del Michigan include più nomi che potrebbero suonare familiari ai giocatori di poker. Nessuno di questi, tuttavia, sembra essere interessato a lanciare un sito di poker online nello stato.

William Hill ha richiesto una licenza tramite una società denominata American Wagering Inc. e si prevede di lanciare un bookmaker online come parte dell'espansione del gruppo negli Stati Uniti.

Betfair ha richiesto una licenza tramite Betfair Interactive US LLC e dovrebbe entrare nel mercato con un bookmaker online.

L'elenco di altri candidati importanti include anche player del calibro di DraftKings, SugarHouse, Barstool, BetMGM e Scientific Games.

Share