Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Svizzera: poker live e casino non riapriranno il primo marzo

  • Scritto da Redazione Poker

Poker live e casino rinviati a data da destinarsi per la Svizzera che riapre alcune attività dal primo marzo: speranze per il prossimo aprile. 

I casino non sono considerati tra le strutture che potranno riaprire dal primo di marzo dal Consiglio federale elvetico e c’è il rischio che per giocare a poker live i players dovranno aspettare ancora un bel po’. Tempi duri per i players svizzeri che frequentano le room delle case da gioco svizzere anche se, dopo il ridimensionamento di Lugano, l’offerta che conosciamo ha subìto un calo molto importante.

A spiegare le motivazioni delle riaperture è stato gioconewscasino.it che ha seguito la seduta del consiglio di oggi, 17 febbraio, e che ha disposto che “dal 1° marzo potranno riaprire i negozi, i musei e le sale di lettura delle biblioteche, le aree esterne di giardini zoologici e botanici e gli impianti sportivi e per il tempo libero”, categoria quest'ultima nella quale rientrano i casinò, ma solo “all’aperto”.

Il motivo è che “nelle ultime settimane il numero delle nuove infezioni è ulteriormente calato” ma che “l’andamento dell’epidemia rimane tuttavia incerto a causa delle nuove varianti del virus molto più contagiose”.

Oltre alla riapertura delle attività menzionate, “saranno di nuovo consentite anche le manifestazioni private all’aria aperta con fino a 15 persone. Inoltre i giovani sotto i 18 anni potranno riprendere a praticare la maggior parte delle attività sportive e culturali”.

Il 24 febbraio il Consiglio federale prenderà una decisione definitiva sulle prime riaperture dopo aver consultato i Cantoni.
Ma quando si potrà tornare a giocare? Il primo aprile, sperando che non sia il classico “pesce”, è prevista una Fase 2. E per il poker live sembra esserci una speranza visto che si parla di manifestazioni culturali e sportive in presenza di pubblico in spazi fortemente circoscritti o della pratica sportiva in locali al chiuso, oppure ancora la riapertura delle terrazze dei ristoranti - a condizione, tuttavia, che la situazione epidemiologica lo consenta. E come non comparare questi elementi con i tornei o tavoli cash game dal vivo? Staremo a vedere, Covid-19 permettendo.
Share