Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Ok (ma solo nel pomeriggio) il lancio del gioco online nei Paesi Bassi

  • Scritto da Ca

Partito il processo di concessione di licenze di gioco online dei Paesi Bassi ma il primo d'aprile il portale è stato un disastro. 

Il processo di concessione di licenze di gioco online dei Paesi Bassi è finalmente partito, nonostante sia stato colpito da un ritardo dell'ultimo minuto, questa volta a causa di un difetto tecnico nel portale delle applicazioni online gestito dal Kansspelautoriteit (KSA). Insomma, tutto il mondo è paese e nel caos dei portali governativi italiani venuto a galla in questo anno di Covid-19, anche una società che all’esterno appare assai più performante della nostra, sembra scricchiolare.

Era anche il pesce d’aprile, momento della reale entrata in vigore, però, del Remote Gaming Act, ma i disservizi erano tutti veri. Il regolatore ha diffuso un messaggio dicendo che la registrazione al Rga non sarebbe disponibile, dopo che un altro difetto è stato rivelato durante gli ultimi test. Il portale è stato poi lanciato normalmente nel pomeriggio.

"Il 1 aprile 2021 è il giorno che tutti alla Gaming Authority aspettavano da molto tempo", ha detto il presidente della KSA René Jansen. “In momenti come questo, in mezzo a tutto il trambusto, è bene prendersi un momento per riflettere su cosa si trattava. Nella legalizzazione e regolamentazione del gioco online, l'obiettivo politico essenziale è quello di "canalizzare" i consumatori da fornitori illegali a fornitori legali".

Tuttavia, Jansen ha aggiunto che gli standard per le licenze sono molto elevati. "Il mercato online legale si aprirà il primo ottobre per le aziende che riescono a ottenere una licenza", ha affermato.  Ufficialmente, la legge olandese sul gioco d'azzardo a distanza entrava in vigore ieri, 1 ° aprile, con l'apertura del mercato prevista entro la fine dell'anno il 1 ° ottobre. Il lancio sul mercato era originariamente previsto per il 1 ° gennaio di quest'anno, dopo che la legge doveva entrare in vigore nel luglio 2020. Tre ritardi nel processo hanno visto la data di lancio del mercato rinviata a ottobre.

Ieri (31 marzo), la KSA ha anche chiarito i suoi requisiti di audit per i richiedenti la licenza di igaming. Ha affermato che, in contrasto con le norme politiche stabilite per la concessione di licenze di gioco online, ha deciso di accettare un rapporto di garanzia o un rapporto di risultati fattuali da parte dei richiedenti.

La relazione sui risultati fattuali deve essere preparata da un revisore e stabilire che il richiedente non è in stato di fallimento, non ha ottenuto una moratoria e che i beni del richiedente non sono soggetti a un sequestro conservativo. Il rapporto dovrebbe includere anche la conferma che il richiedente ha rispettato le regole sulla garanzia del credito del giocatore, che varia a seconda del metodo di fornitura.
La KSA ha dichiarato a marzo che prevede di ricevere circa 40 richieste di licenza durante il processo, comprese diverse da società internazionali, e probabilmente concederà circa 35 licenze. Un sondaggio pubblicato questa settimana dalla Netherlands Online Gaming Association (NOGA) suggerisce che ci sono poche prove di un'ondata di nuovi consumatori di igaming in attesa di offerte legali. Il sondaggio Ipsos su 1.004 cittadini olandesi ha rivelato che solo il 2% degli intervistati intendeva aprire un conto online una volta che il mercato si aprirà in ottobre.
Share