Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

La mappa del poker online a stelle e strisce: come procede il processo regolatorio Usa

  • Scritto da Ca

Un processo bottom up dai singoli Stati, lento ma (speriamo) inesorabile, per far tornare l'hold'em interattivo ai livelli pre Black Friday.

Le ultime sensazioni sul mercato del poker online negli Stati Uniti sono piuttosto chiare: il governo federale non realizzerà mai una legge valida su tutto il territorio nazionale ma si procederà ad una regolamentazione step by step, stato dopo stato, con la speranza che i framework crescano per poi riunirsi nella liquidità condivisa che, al momento, unisce solo tre regioni.

Difficile implementare una legge nazionale su una realtà ben differente rispetto a quella di altri governi mondiali e composta di tantissimi stati di culture, leggi e usanze diversa l'una dall'altra. Eppure sono tanti i territori che hanno già regolamentato o stanno manifestando l'intenzione di farlo nei prossimi mesi o nelle prossime sessioni legislative.

Ne parliamo giornalmente su Gioconewspoker.it, vogliamo approfondire qui sulla rivista di Giugno 2021 lo status quo degli stati regolamentati. Un mercato legale e regolato e il più vasto possibile, non può che essere un bene per tutto il settore a livello internazionale.

IL QUADRO NORMATIVO - L'industria del poker online statunitense soffre ancora degli effetti del Black Friday e dell'Illegal Internet Gambling Enforcement Act (Uigea).Sono finiti gli anni gloriosi del poker online, in cui il gigante nordamericano era il principale fornitore di giocatori per il traffico mondiale del poker. Oddio, lo è lo stesso, ma dal dot com.

In ogni caso, dopo quel famoso 15 aprile 2011, il poker negli Stati Uniti ha iniziato un percorso lento e difficile. Un piccolo gruppo di stati ha guidato il processo per cercare di "rendere di nuovo grande il poker", ma ancora siamo lontanissimi dal mercato che fu.

L'Uigea, del resto, ha bloccato le operazioni di siti non regolamentati che offrono giochi negli Stati Uniti. E questo non è un elemento secondario da valutare.

GLI STATI REGOLAMENTATI - Ci sono attualmente sei stati che offrono poker nel loro territorio o hanno avviato i processi per poterlo offrire.

Il Delaware è stato il primo stato a regolamentare il poker online nel 2012 e il Nevada è seguito poco dopo. I due mercati sono iniziati indipendentemente l'uno dall'altro.

La partnership con altri stati si è resa necessaria per uno stato con meno di un milione di abitanti, come il Delaware (897.934 abitanti la popolazione dell'Umbria), quindi ha firmato un accordo di scambio di liquidità condiviso con il Nevada. I tre siti statali gestiscono le proprie skin su una rete condivisa sulla piattaforma di 888poker.

Nel caso del Nevada, è stato il secondo stato a regolamentare il poker online negli Stati Uniti, al terzo posto per importanza tra i 4 stati che attualmente offrono poker. Anche le scommesse sportive possono essere offerte in Nevada, con un mercato limitato a un singolo operatore, Wsop Nevada.

Un anno dopo, nel novembre 2013, si è unito il New Jersey che è il più grande mercato regolamentato degli Stati Uniti. Dai suoi confini puoi giocare fino a sette siti di poker, distribuiti su quattro reti:

Borgata 1: partypoker NJ / Borgata / BetMGM

Borgata 2: Pala Poker

Caesars: WSOP NJ / 888 poker NJ

Località: PokerStars NJ

Solo nel 2017 è arrivata la sorpresa della Pennsylvania che ha deciso di approvare un pacchetto di leggi che ha permesso l'arrivo del gioco d'azzardo online nello Stato. PokerStars ha lanciato la sua room nel novembre 2019.

La piattaforma opera su un mercato indipendente e accetta solo giocatori della Pennsylvania, quindi i giocatori di PokerStars PA non condividono la liquidità con i giocatori di PokerStars NJ. E questo è un elemento assolutamente da superare.

Nel 2019, West Virginia e Michigan sono diventati il ​​quinto e il sesto stato a regolamentare il poker online. Il West Virginia lo ha fatto alla fine di marzo e il Michigan a dicembre, poco prima della fine dell'anno.

PokerStars è entrato nel Michigan il 29 gennaio 2021. BetMgm Poker si è unito a marzo. Per ora, lo stato è solo, senza liquidità condivisa, anche se una legge approvata nel dicembre 2020 spiana la strada affinché il Michigan aderisca presto all'accordo di liquidità condivisa.

Nel West Virginia, purtroppo, non ci sono ancora sale da poker online. Lo Stato della “Montagna” ha attive le scommesse sportive e i casinò online. La speranza che condivida la liquidità è positiva, poiché come nel Delaware, non è chiara la vitalità del mercato in un territorio con meno di due milioni di abitanti.

Nel 2021, Connecticut e Illinois potrebbero aderire. Entrambi gli stati sembrano interessati ad approvare la legislazione sul gioco d'azzardo online quest'anno, anche se il lento processo di autorizzazione dovrà attendere per vedere il lancio delle prime sale da poker.

IL POKER ONLINE INTERSTATALE – A volere subito la condivisione delle pool dei players è stato il Delaware, come osservavamo poco fa. Nel marzo 2015, i governatori dello stato hanno firmato un accordo che consentiva la condivisione della liquidità nel poker online. Le entrate statali vengono trattenute in base alla posizione dei giocatori, ma i giocatori condividono un mercato. Il Multi-State Internet Gaming Agreement (Msiga) è stato il primo del suo genere negli Stati Uniti.

Sono stati creati una serie di standard comuni, l'adesione è aperta a tutti e ogni stato che aderisce all'accordo riceve un posto nel consiglio di amministrazione del gruppo.

Sebbene l'accordo non abbia avuto un grande impatto sulle entrate statali, ha gettato le basi per una possibile ulteriore espansione interstatale in futuro.

Nell'ottobre 2017, il New Jersey è entrato a far parte di Msiga, creando un contratto a tre stati con Delaware e Nevada. Lo Stato di Atlantic City, una delle capitali mondiali del gambling, aveva la liquidità sufficiente per offrire la propria industria multi-licenza, ma il poker online non è cresciuto al ritmo previsto. La liquidità ha offerto una discreta spinta ai volumi.

Tuttavia il primo passo è stato compiuto nel novembre 2017proprio dal senatore del New Jersey Raymond Lesniak, che ha introdotto un disegno di legge che faciliterebbe il processo di espansione degli accordi oltre confine. Lesniak mirava ad abrogare la parte del codice di gioco del New Jersey che richiede che i server si trovino ad Atlantic City. Rimuovendo questo ostacolo, lo Stato potrebbe essere in grado di collaborare con operatori fuori dallo Stato e internazionali. Sfortunatamente, Lesniak si è ritirato alla fine della sessione legislativa del 2017 senza che il disegno di legge vincesse alcun movimento.

Cosa farà ora la Pennsylvania? E' il sesto stato più popoloso del paese con 12,7 milioni di abitanti e l'aggiunta di potenziali attori renderebbe il mercato statunitense più forte e più sano.

Sebbene le autorità di regolamentazione non abbiano preso una posizione pubblica sulla questione, l'aspettativa è che la Pennsylvania aderirà all'accordo interstatale a breve. E iPoker potrebbe essere il primo network a offrire gioco in quattro Stati differenti.

Come dicevamo, difficile che il Governo centrale promuova una legge federale sul gioco e sul poker online. Ma se un numero sufficiente di stati regolamentasse il poker online, si potrebbe realizzare una possibilità molto piccola, anche se difficile, di vedere una rete comune che ricorda un po' la scena pre-Black Friday negli Stati Uniti.

LA SPADA DI DAMOCLE WIRE ACT - All'inizio del 2019, il governo federale che non ha interesse a regolamentare il gioco online a livello centrale, si è però mosso per interferire con la liquidità condivisa del gioco d'azzardo interstatale.

L'ufficio del procuratore del dipartimento di giustizia ha invertito la sua interpretazione permanente del Cable Communications Act del 1961, il famigerato Wire Act, tornando a una posizione più restrittiva sul gambling. Se l'interpretazione rivista venisse applicata nella misura massima, la liquidità interstatale rischierebbe un perentorio stop. Ciò danneggerebbe gravemente la fattibilità del poker online negli stati meno popolati, come Delaware e West Virginia, oltre alla grave battuta d'arresto che significherebbe per la crescita e la possibile espansione del poker negli Stati Uniti.

La buona notizia è che la scorsa estate, la Commissione della lotteria del New Hampshire ha intentato una causa contro il Dipartimento di Giustizia. Il suo timore era che la nuova opinione avrebbe reso illegali le lotterie con jackpot interstatali. Il risultato del caso è stato che il giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti Paul Barbadoro si è schierato con la lotteria e la sentenza è stata ribaltata. E per analogia anche il poker è libero di giocare e di “sharare” le pool dei players.

Share