Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Una partita di poker da 120 ore, Zach Gensler prova a battere il record

  • Scritto da Redazione

Il player Zach Gensler tenterà di spezzare il record mondiale di Phil Laak per la sessione di poker più lunga alle Wsop del 2019, donerà parte delle vincite in beneficenza.

 

 

Nel 2010, Phil Laak ha centrato un Guinness World Record apparentemente impossibile giocando 115 ore di poker cash game. Quest'estate alle Wsop a Las Vegas, il grinder Zach Gensler promette che supererà quel record con una sessione di 120 ore.

 

"Mi concedo un 85 percento di possibilità di giocare 120 ore di fila", sostiene, dicendo che giocherà $1/$2 no-limit stakes durante la sua sessione di cash game e che darà metà delle sue vincite a varie associazioni di beneficenza.

 

Quali sono i rischi? Mettendo da parte il gioco del poker, restare per 120 ore consecutive può essere dannoso per la salute, almeno per qualcuno che non è in condizioni fisiche solide.

Secondo HealthLine.com, dopo tre o quattro notti insonni, si possono iniziare ad avere allucinazioni. Sono solo 72-96 ore, il che non è nemmeno vicino al record di Laak. Il sito web di consulenza sulla salute afferma inoltre che la prolungata privazione del sonno può causare disabilità cognitive, delusioni, irritabilità, paranoia e psicosi.
 
Ma giocare a lunghe sessioni di poker non è un grosso problema per Zach Gensler. Infatti, dice, più a lungo gioca e meglio si esibisce. "Sto meglio nelle sessioni-maratona che in quelle di 12 ore", afferma con forza. Zach ricorda che la sua sessione più lunga è stata di 80 ore ad aprile all'Aria di Las Vegas, la sua sala da poker preferita.
"Mi sono stancato per circa 33 ore, ma ho spinto e bevuto liquidi e soprattutto proteine ​​per riacquistare le mie energie. Non sono costruito come la maggior parte delle persone. Ho una resistenza estrema e una forza di volontà. "

Gensler arriverà a Las Vegas questa estate e prevede di iniziare la sua lunga sessione di poker il 27 giugno al Rio durante le World Series of Poker. Non lo fa solo per l'attenzione o il denaro. Zach ha qualcosa di più prezioso in mente.
"La missione della mia vita è aiutare le persone nella speranza di rendere il mondo un posto migliore. Non ho sempre pensato così. Sono diventato più affettuoso dalla tragica morte di mia madre quando era in vacanza in Texas nel 2008. Ero molto depresso dopo la sua scomparsa. Il poker mi ha salvato la vita. Ho iniziato a giocare a Hold'em nel 2010 e mi ha impedito di essere sempre triste in quel momento". Ora vuole usare il poker come un modo per aiutare chi è nel bisogno, compresi alcuni bambini che sanno anche cosa vuol dire perdere un genitore.
 
Gensler si impegna a dare il 33 percento delle sue vincite della sua lunga sessione di poker a un fondo per aiutare i bambini del grande poker player Gavin Smith.
Provenendo da una base militare, invierà anche una parte delle sue vincite per aiutare i veterani che hanno servito gli Stati Uniti.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.