Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Dan Cates: 'Mi prendevano in giro ma 'jungleman' li ha battuti tutti'

  • Scritto da Ca

Dan Cates spiega l'etimologia del suo nickname 'jungleman' che l'ha reso famoso nel poker online quindi in quello dal vivo. 

"Mi chiedono spesso da dove venga il mio soprannome 'junglema'. Se non fosse già ovvio, me lo hanno messo addosso perché sono nato nella giungla, circondato da animali. Ah!". Dan Cates ha pubblicato una foto su Instagram con una scimmietta sulla spalla. E ha raccontato la storia del perché si sia chiamato, ed è ormai famoso forse più del suo vero nome, come l'uomo della giungla: "La vera storia è che ero una persona molto diversa quando ho iniziato a giocare a poker. Era molto trasandato, aveva i capelli molto lunghi e la verità è che ero un ragazzo molto strano. Arrivò un momento in cui i miei rivali iniziarono a chiamarmi "jungleman" con l'intenzione di prendermi in giro".


Invece Dan l'ha trovato divertente, "e l'ho tenuto come nick quando hanno finito di spogliarmi dei miei soldi e sono dovuto andare su pokeronline per giocare ai livelli più bassi in Full Tilt. Sicuramente sai cosa è successo quando sono andato online. Ho dominato tutti i miei concorrenti e sono diventato uno dei giocatori online di maggior successo, se non il più forty di tutti. Il mio nick è passato dall'essere uno scherzo all'essere rispettato e temuto nel mondo del poker".

Nell'umorismo c'è spesso un elemento di verità: "Il mondo è un luogo selvaggio pieno di caos, come la giungla. Noi stessi, nel più intimo, siamo animali, come i nostri fratelli le scimmie, selvaggi e dominati dalle emozioni, sebbene capaci di essere molto migliori se lo vogliamo", conclude l'uomo della giungla.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.