Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

La storia dell'afgano Muradi, dal carcere agli 809mila $ vinti al Wpt

  • Scritto da Ca

La storia di Ilyas Muradi, poker player di origine afgana che ha imparato il gioco in carcere e ha vinto oltre 809mila dollari al Wpt. 

Dopo quattro giorni di gioco, Ilyas Muradi, ex detenuto, ha vinto il WPT Lucky Hearts Poker Open per $ 809,515. Anche dopo aver incassato le sue fiches al Day 1, qualcosa sembrava diverso nel torneo e lui ha detto a sua moglie e ai figli che avrebbe vinto.

"Avevo appena avuto quella sensazione", dice. “L'adrenalina, l'energia, era così positiva. Una volta arrivato a quel tavolo finale, volevo solo chiuderlo”.

La storia raccontata dal World Poker Tour è interessantissima. Originario dell'Afghanistan, Muradi è arrivato negli Stati Uniti all'età di 12 anni con la sua famiglia come rifugiato. Sono fuggiti dopo l'11 settembre dopo che suo padre era stato ucciso da una bomba. L'adeguamento agli Stati Uniti non è stato facile. Non parlava inglese ed è stato immerso in una cultura e uno stile di vita completamente nuovi.

"A quel tempo l'11 settembre era appena accaduto e stavo venendo davvero maltrattato a scuola", dice. "E 'stato pazzesco, alla gente non piacevamo per quello che era successo l'11 settembre. Non posso biasimarli, ma ogni paese ha il suo bene e il suo male. "

Tutti nella famiglia Muradi si sono impegnati per aiutare a sopravvivere e ad adattarsi. Sua madre è andata a lavorare, così come sua sorella e lo stesso Muradi quando è cresciuto. La famiglia alla fine ha trovato un punto di appoggio e ha costruito una nuova vita negli Stati Uniti. Nel 2006, una singola decisione avrebbe avuto un profondo impatto sulla sua vita. Aveva 16 anni e ha venduto a qualcuno della marijuana, senza rendersi conto delle possibili ripercussioni.

La persona a cui ha venduto era un informatore della polizia e Muradi è stato successivamente condannato per un'accusa di marijuana. Ciò ha cambiato il suo status di immigrato, ma ha combattuto con successo per essere rimandato in Afghanistan, dove potrebbe aver subito torture.

Anche se non è stato deportato, Muradi è rimasto in uno stato di limbo. Non poteva lasciare il Paese ma non aveva la green card. Dopo essere rimasto fuori dai guai per cinque anni, ha chiesto nuovamente i documenti nel 2017 dopo aver parlato con un avvocato specializzato in immigrazione.

Due settimane dopo, Muradi aveva un appuntamento per l'immigrazione a Indianapolis. I funzionari hanno preso la sua foto, le impronte digitali e alla fine hanno esteso la sua precedente carta verde. Le cose sembravano andare a modo suo, ma non sarebbe durato.

Lavorando come camionista all'epoca, Muradi ha consegnato un carico da Chicago a Laredo, in Texas, nell'agosto 2017. Dopo aver effettuato la consegna, è rimasto in attesa di un altro carico da trasportare. Alcuni compagni di guida nella stessa situazione gli hanno chiesto di attraversare il confine.

"Andiamo, faremo festa in Messico", gli ha detto un autista.

Muradi all'inizio ha rifiutato, ma alla fine ha ceduto. Con la sua carta verde ripristinata, Murado credeva che non ci fossero problemi di immigrazione al confine. E’ andata a finire che gli agenti hanno preso in custodia Muradi e lo hanno trasferito in una struttura di detenzione per immigrati a San Antonio, dove ha semplicemente aspettato di essere rilasciato o di essere deportato. Dopo 10 mesi, è stato trasportato in diversi centri a Dallas e successivamente in Oklahoma.

Alla fine, un utile ufficiale dell'immigrazione ha creduto alla sua storia e lo ha messo in contatto con l'ambasciata afghana. Ciò ha messo in moto alcuni meccanismi ed è stato rilasciato una settimana dopo, quando il governo dell'Afghanistan non aveva alcuna traccia della sua nascita nel paese. Era in detenzione da poco più di due anni quando è stato finalmente rilasciato nell'ottobre 2019.

Ora spera un giorno di diventare cittadino statunitense, ma quel precedente da sedicenne è rimasto un ostacolo.

"Sto davvero cercando di trovare un buon avvocato, sedermi e parlare e vedere se riesco a recuperare il mio status", dice. “I miei figli sono nati e cresciuti qui e sono cittadini americani. E mia moglie, è cittadina americana. Le mie sorelle sono cittadine americane. Mia nonna, mia zia, mia madre, erano tutti cittadini americani.

Nonostante così tante sfide, Muradi guarda indietro e si sente grato di essere arrivato negli Stati Uniti e che sua madre abbia fatto così tanto per la sua famiglia.

E il poker? Con ore e ore di tempo a disposizione in isolamento, l’hold’em è diventato un interesse dopo aver visto gli altri giocare. Da bambino, Muradi ha imparato a giocare a poker ma si è concentrato maggiormente sulla detenzione e ha studiato di più le strategie. "Quando sono tornato a casa ho giocato un po’ qui e un po' là", dice. “Ho guardato molti video di poker e ho migliorato il mio gioco. La prossima cosa è iniziare a giocare a tempo pieno”.
E grazie alla vittoria di Lucky Hearts che è diventato il momento clou della carriera pokeristica di Muradi, il sogno è realizzabile.   
Alcune delle sue vincite ora aiuteranno a pagare un avvocato specializzato in immigrazione e la sua famiglia, ma ha anche altri piani. Il nuovo membro del WPT Champions Club vuole scrivere un libro e raccontare la sua storia, si spera ispirando gli altri. Ciò include il raggiungimento del suo più grande obiettivo di poker di vincere un evento WPT.
“Non mollare mai e se hai un sogno, devi farlo invece di sognarlo. Non sederti ad aspettare che venga da te. Devi andare a prenderlo”. Non è un aforisma così originale ma l’esempio è più che calzante.
Share