Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Castelluccio e il day1b Mcop 'rovinato' da un incastro di O'Dwyer

  • Scritto da Cesare Antonini

Sergio Castelluccio e l'ultimo colpo del day1B al main event Master Classics of Poker contro Steve O'Dwyer. 

"Ero capitato su un bel tavolo davvero, facile e giocabilissimo. Poi le cose sono cambiate e l'unico rammarico della giornata è stata proprio l'ultima mano dove ho perso 31mila chips. Peccato oggi (28 novembre, ndr) al day2 poteva partire ancora meglio". Sergio Castelluccio è sbarcato ad Amsterdam dove era già stato alcune volte e si è qualificato al day2 del Master Classics Of Poker in gioco all'Holland Casino col main event da 4.300 euro.
Giornata parzialmente rovinata, quindi? Lo chiediamo direttamente a lui ad un'ora dallo start del secondo giorno di gara: "E' arrivato Steve O'Dwyer al tavolo e in guerra di bui ci siamo ritrovati a giocare questo colpo. Limpa lui 1.000 e io gioco con A3 in mano.
Al flop scende AJ5 e su un pot da 3.500 lui fa 1.500 e chiamo felice pensando che qualsiasi cosa prende le sparerà quasi sempre e punterà tutte le strade anche con incastri e schifezze varie".

Al turn scende un 7: "Steve fa 6.000 su un piatto da 6.500, faccio finta di pensare ma poi faccio call visto che ho plannato di chiamarle tutte e tre".

 


Al river ecco un 4 e l'idea che qualcosa possa aver combinato il forte player anche reduce da una vittoria particolare qui in Olanda in un high roller da 25.500 euro con soli tre iscritti, inizia a balenare nella mente di Sergio che, però, è fedele al suo plan: "Al river fa 22.000 su un pot da 18.500 chips e io snappo come avevo già deciso ma mi gira 8-6 offsuited per la scala che mi fa perdere una discreta porzione di stack", confessa Sergio.
Oggi un'altra battaglia e Castelluccio è pronto. Ecco la situazione del day2!

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.