Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Televisione, scansati: Twitch è già meglio della CNN

  • Scritto da Claudio Poggi

Numeri pazzeschi per la piattaforma di streaming più utilizzata al mondo, che a gennaio ha centrato il record di 962.000 spettatori connessi in contemporanea.

Oltre a dover fare i conti con i servizi on-demand come Netflix e Amazon Video, le emittenti televisive tradizionali farebbero bene a guardarsi le spalle anche dalle piattaforme di streaming, e in particolar modo da Twitch. Il numero di utenti cosiddetti ‘concurrent’ – cioè connessi contemporaneamente sulla piattaforma –  a gennaio ha toccato quota record di 962.000.
Secondo quanto riporta Benjamin Schachter, analyst di Macquarie, Twitch avrebbe migliorato questo dato del 22% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e del 26% rispetto invece a dicembre 2017.

UN’ASCESA INARRESTABILE – Tanto per comprendere meglio la portata del fenomeno Twitch, nel 2017 il numero totale giornaliero di spettatori di Fox News e ESPN ha toccato un picco massimo di 1,5 milioni, seguiti dagli 885.000 di MSNBC (con 885.000) e CNN (783.000) – limitandoci alle più celebri emittenti via cavo.
Secondo quanto riporta invece Esports Observer, a fine gennaio l’ELEAGUE Boston Major avrebbe toccato un picco di 1,1 milioni di spettatori concurrent, con la finale del torneo di Counter-Strike: Global Offensive tra Cloud9 e FaZe Clan a raggiungere il record di tutti i tempi per un singolo canale Twitch.

QUALI I TITOLI PIÙ SEGUITI? – A spingere Twitch verso vette insperate soltanto quattro anni fa (quando Amazon acquistò l’erede di Justin.tv per meno 970 milioni di dollari) sono naturalmente gli esport, che continuano a frantumare ogni risultato. La parola d’ordine però sembra essere ‘riciclo’, visto che meno della metà dei giochi più visti su Twitch nel gennaio 2017 compare anche nella top ten di gennaio 2018. Ultimamente vanno fortissimo i giochi in stile ‘battle royale’, come PlayerUnknown’s Battlegrounds e Fortnite, senza dimenticare gli intramontabili MOBA come League of Legends e Dota 2.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.