Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Marche, Marconi (Udc): 'Nuova tabella dei giochi proibiti di Macerata, ottima contro il Gap'

  • Scritto da Redazione

Il consigliere delle Marche Luca Marconi (Udc) plaude alla nuova tabella dei giochi proibiti diffusa dalla Questura di Macerata che vieta il poker in tutte le sue varianti.

 

“Apprendo con soddisfazione le iniziative che il questore di Macerata, Antonio Pignataro, sta assumendo per una corretta e puntuale applicazione della normativa in tema di gioco d’azzardo patologico. L’azzardopatia è un male terribile che sta consumando e distruggendo migliaia di famiglie della nostra regione. Per questo va contenuto il più possibile operando sia sul versante della legge che su quello culturale e sociale”.

 

Così il consigliere regionale delle Marche, Luca Marconi (Popolari Marche – Udc), commenta la nuova tabella dei giochi proibiti predisposta dal questore di Macerata, Antonio Pignataro, e già trasmessa ai 55 Comuni della Provincia, che vieta anche “il poker in tutte le sue varianti, incluso il Texas Hold'em e il poker sportivo”. 

 

“Il questore di Macerata ci aiuta e ci conforta facendo intendere come lo Stato, seppur legittimando il gioco, compia tutte le azioni necessarie affinché questo sia contenuto dentro parametri accettabili.
La nostra legge regionale sul gioco d’azzardo è un pilastro in questa importante battaglia civile cercando di prevenire con le famose distanze fra luoghi di gioco e importanti luoghi di aggregazione come le scuole, ma soprattutto con una grande campagna di educazione al gioco sano e mettendo in allerta sui terribili rischi della dipendenza patologica del gioco d’azzardo.
Tutto ciò è quanto mai necessario perché i percorsi di cura sono complicati e di difficile realizzazione dovendo agire sulla volontà della persona più che sulla sua dimensione psico-fisica. Si tratta di una vera e propria 'malattia dell’anima' per la quale, a differenza di altre patologie, medicina e psicologia non possono risolvere il problema alla radice”, conclude Marconi.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.