Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Belgio: dal primo giugno stop alla pubblicità in tv per giochi e poker online

  • Scritto da Gt

Effetto domino del dl Dignità e anche in Belgio divieti e restrizioni per le società di gioco e poker online dal primo giugno. 

 

 

Qualcuno non crede all’effetto domino del dl Dignità in Europa. Ma dopo Regno Unito, Spagna che ci sta pensando, tanti paesi, è ora il Belgio, se non è una vera causa-effetto di sicuro è una tendenza.

Gli operatori igaming con licenza in Belgio stanno affrontando una serie di restrizioni significative sul modo in cui possono pubblicizzare le loro offerte, con un pacchetto di controlli approvato nell'ottobre 2018 che entrerà in vigore questo sabato 1 giugno.

 

Dal primo giugno, gli operatori di gioco online non saranno più autorizzati a pubblicizzare le loro offerte sulla televisione belga. Questo copre i titolari di licenze di gioco A + e B +, o licenziatari di casinò e sale da gioco.

 

Questi operatori potranno pubblicizzare solo tramite siti concessi in licenza dalla Belgian Gaming Commission (BGC) o tramite pubblicità personalizzata, che utilizza i dati di comportamento e interesse degli utenti per i giocatori target.

 

I concessionari delle scommesse sportive o i titolari di licenza F1 + potranno pubblicizzare in televisione solo dopo le 20:00 e non potranno fare pubblicità intorno alle trasmissioni sportive in diretta.

Inoltre, agli operatori sarà vietato l'uso di celebrità o atleti per promuovere i loro siti e verrà introdotto un tetto per le offerte bonus. Un copia e incolla del dl Dignità per alcuni versi ma con fasce orarie che, se non altro, consentono spazi per pubblicizzare i prodotti di gioco.

"Questo divieto è un passo avanti per la limitazione della pubblicità per i giochi d'azzardo", ha detto il presidente della BGC Etienne Marique.
 
La mossa è l'ultima di una serie di restrizioni pianificate o implementate sulla pubblicità per il gioco d'azzardo introdotte quest'anno in Europa.   
Altrove, la Svezia si è mossa rapidamente a reprimere ciò che crede sia una pubblicità eccessiva da parte dei suoi operatori appena autorizzati, con un comitato governativo per esplorare le modalità pratiche di un divieto totale. Il Partito socialista operaio spagnolo (PSOE) sta anche cercando di introdurre una serie di nuove restrizioni sulla pubblicità del gioco d'azzardo, con il partito in procinto di formare un governo dopo le elezioni generali di aprile.
 
Gli operatori del Regno Unito, nel frattempo, introdurranno un divieto di pubblicità prima e durante le trasmissioni sportive dal vivo della stagione di calcio 2019-20. Tuttavia, GVC Holdings, proprietaria dei marchi Ladbrokes e Coral, sta spingendo per un divieto totale di annunci TV.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.