Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Coach Martinez contro Piqué all'Ept: 'Allarme ludopatia', ma la sua squadra ha sponsor di scommesse

  • Scritto da Cesare Antonini

Polemica sulla partecipazione del difensore del Barcellona Piqué all'Ept ma l'allenatore di basket Martinez è circondato da bookmaker.  

Polemica rovente nel poker spagnolo via Twitter dopo i successi di Gerard Piqué all'Ept di Barcellona che ha confermato la passione per l'hold'em del celebre difensore blaugrana. A lanciare la discussione è stato l'allenatore di basket Pedro Martinez che ha attaccato così: "Che Piqué abbia vinto una partita a poker e che i media lo osannino è inaccettabile. Non ci sono già abbastanza notizie o pubblicità di casinò da farci diventare ludopati? Non ricordo di aver visto notizie delle sue perdite al gioco però..".

Non si è scatenata proprio una shit storm contro l'allenatore di basket spagnolo ma poco c'è mancato. A rispondergli per le rime è stato un altro player che a Barcellona ha riscosso molto bene, Sergi Reixach, visto che ha vinto il super high roller da 100mila dollari. "A proposito ma le squadre in cui hai giocato o che hai allenato non hanno mica sponsor di bookmaker? O hai sempre rinunciato a quelle offerte se è successo?". Touché insomma.

In tanti, poi, hanno difeso il poker specificando l'abilità che lo contraddistingue e sulla quale è basato rispetto ad altri giochi che, anche in Spagna, si basano solo sull'alea.
E spunta anche una foto segnalata dai colleghi di Poker-Red in cui lo stesso Pedro sta allenando con sullo sfondo un logo gigante del bookmaker Kirolbet che brandizzava il campo di gara della partita in cui il mister allenava la sua squadra.
Ma sono tantissimi i tweet tutti a favore del poker come gioco di skill e come sport mentale come ricorda Mr.X AK.
Anche in Spagna si sta ragionando sulla regolamentazione della pubblicità del gioco d'azzardo ma non in termini di divieto assoluto come abbiamo spesso ricordato. La disinformazione sul gioco e sulle caratteristiche dei vari prodotti in relazione al problema della ludopatia sembra essere proprio la stessa che ha danneggiato e continua a danneggiare il settore del gambling  d'Italia.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.