Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Anche in Uk avanza lo spettro del limite di deposito di 100£ su poker e gioco online

  • Scritto da Ca

La Uk Gambling Commission mette allo studio un limite di deposito mensile da 100 sterline: potrebbe essere la morte del poker online e degli altri giochi. 

Il vizio, di forma, sembra ormai diffuso: più si pongono limitazioni al gioco legale regolamentato di Stato in Stato, più si rende debole l’offerta del gambling di ogni Paese. E sembra che anche uno dei modelli inseguiti per molti anni, sembra andare verso queste infauste decisioni: il governo britannico vuole riformare il gioco online e per proteggere i giocatori l’authority nazionale si sta indirizzando verso un limite mensile che potrebbe partire dalle 100 sterline.

Il Regno Unito è attualmente sede fiscale di molti professional poker player. Le tasse, specie sulle vincite live, sono uguali a zero. Un cambiamento del genere cambierebbe drasticamente le possibilità di gioco, sia live che online, in Inghilterra. Per ora pare sia un sondaggio avviato dalla Uk Gambling Commission probabilmente sulla base delle posizioni oltranziste di una parte della politica britannica ostile al gioco. L’idea è quello di limitarlo fortemente. Ma siamo alle solite: la spinta espulsiva verso l’illegalità è provata da più parti.

Il regolatore ha raccolto opinioni e dati da operatori e consumatori. Il piano per ridurre le perdite mensili ha fatto sì che uscisse l’idea delle 100 sterline di limite. Un numero che deriva da uno studio, pare. L’average di spesa pare sia di 250 sterline al mese per un giocatore Uk.
Ma per ora le 100 sterline sono solo un suggerimento. Ovviamente, essendo la media di 250 pounds, c’è chi con 100 sterline sarebbe strettissimo e chi potrebbe rientrarci alla grande. L’altra idea è la dimostrazione del reddito.
Ma se questo limite entrasse in vigore il Regno Unito diventerebbe una location proibitiva per i grinder e i top pro che vivono ora nel Regno Unito.
Share