Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

West Virginia: poker online nel 2022 per colpa di Covid-19 e Wire Act

  • Scritto da Gt

Il West Virginia dalla regolamentazione di poker e giochi online nel 2019 rischia di slittare al 2022 tra Covid e Wire Act. 

La regolamentazione doveva arrivare nel 2020 ma forse non arriverà neanche nel 2021 e se ne riparlerà nel 2022. Il mercato del poker online degli Stati Uniti non si espanderà presto nel West Virginia. Lo Stato della capitale Charleston, 1,8 milioni di abitanti, ha legalizzato il poker online, i giochi da casinò e le scommesse sportive nel marzo 2019 dopo anni di pressioni da parte di legislatori come il delegato di stato Shawn Fluharty. C'erano già cinque casinò con cui gli operatori di gioco d'azzardo online potevano collaborare:

-Il Casino Club al Greenbrier (proprietà indipendente)

-Hollywood Casino at Charles Town Races (gestito da Penn National Gaming)

–Mardi Gras Casino and Resort (di proprietà di Delaware North)

–Mountaineer Casino, Racetrack and Resort (gestito da Century Casinos, recentemente venduto da Eldorado)

–Wheeling Island Hotel-Casino-Racetrack (di proprietà di Delaware North)

Non è successo molto nel 2019 e la West Virginia Lottery Commission sapeva che ci sarebbe voluto del tempo per elaborare le regole di gioco su Internet e rilasciare licenze. La speranza era che sarebbe stato completato tutto entro l'estate del 2020.

A marzo 2020, la pandemia di coronavirus era in pieno svolgimento. I casinò di tutta l'America chiudevano i battenti per mandato governativo e ufficiale sanitario, e le cinque proprietà del West Virginia non facevano eccezione. Ovviamente, il West Virginia non aveva lanciato alcuna concessione prima di quel momento, quindi non poteva ricevere entrate alternative dal gioco d'azzardo online come il New Jersey e la Pennsylvania.

Il direttore della lotteria di Stato John Myers ha visto l'opportunità mancata e ha promosso una serie di regole di emergenza. Il Segretario di Stato del West Virginia ha approvato le regole in estate. E Myers ha detto che era possibile lanciare gli operatori di igaming già a giugno o luglio.

Sembrava una forzatura pensare che i casinò online o i siti di poker potessero essere lanciati in un periodo di tempo così breve. Un sito è riuscito a farlo. L'obiettivo percorribile era quello di DraftKings, in collaborazione con Hollywood Casino at Charles Town Races, per lanciare mobile Sports betting, ma allo stesso tempo ha anche consegnato il suo casinò online a luglio 2020.

BetMGM Casino ha lanciato i suoi giochi da casinò online ad agosto, tramite il suo rapporto con il Greenbrier Casino Club.

Le entrate hanno iniziato ad aumentare per alcuni casinò del West Virginia poiché la pandemia ha continuato a danneggiare le entrate del gioco d'azzardo terrestre per tutto il 2020.

E il poker online? C'è una cosa che impedisce a Myers di approvare il lancio di qualsiasi sito di poker online: il solito Wire Act del 1961.

La causa è nata dopo una nota del 2018 dell'ufficio legale del Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti. Ha emesso un'opinione secondo cui il Wire Act potrebbe ancora essere applicato al gioco d'azzardo online diverso dalle scommesse sportive, nonostante un'opinione del 2011 che dichiarasse il contrario. La Commissione della lotteria del New Hampshire e il suo fornitore della piattaforma della lotteria, NeoPollard, hanno intentato una causa contro il DOJ, il Procuratore generale degli Stati Uniti e gli Stati Uniti in generale.

Il Dipartimento di Giustizia ha presentato ricorso presso la Corte d'Appello del Primo Circuito, ed entrambe le parti hanno presentato argomentazioni orali nel giugno 2020.
La Corte d'Appello potrebbe prendere una decisione in qualsiasi momento. L'ultima notizia da quel tribunale, tuttavia, è stata alla fine di ottobre, quando uno dei tre giudici del Primo Circuito è morto .
Anche se la Corte d'appello emetterà una decisione nei prossimi mesi, è molto probabile che il perdente appellerà il caso alla Corte Suprema degli Stati Uniti. La sola presentazione del ricorso potrebbe richiedere fino a 90 giorni, e il caso andrebbe poi al mucchio di migliaia di casi ancora da esaminare. Se almeno quattro giudici accettano di esaminare il caso, potrebbero essere necessari mesi per programmare le discussioni orali. Spesso la corte rilascia le sue principali opinioni a maggio o giugno.
Ecco perché il rischio di slittare al 2022 è assai concreto.
Share