Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Regalo di Natale per i poker players del Michigan: poker online ok anche a livello interstatale

  • Scritto da Gt

Il governatore del Michigan Gretchen Whitmer, ha firmato il decreto di legge per il lancio di poker e giochi online anche a livello interstatale. 

Come “spoilerano” le World Series of Poker, i giocatori di poker online del Michigan potrebbero avere la possibilità di entrare nella liquidità condivisa di poker online con gli avversari degli altri Stati americani che già condividono le pool.  Il governatore Gretchen Whitmer ha firmato la legislazione interstatale insieme ad una serie di progetti di legge nella sessione legislativa del 2020 del 29 dicembre, incluso il Senate Bill 991, che consentirà ai licenziatari di poker online dello stato di condividere la liquidità dei giocatori con gli operatori di giochi commerciali e tribali in altri stati che hanno legalizzato l'attività.

SB 991, che entrerà in vigore alla fine di marzo, ha cercato di aggiornare la legislazione sulle scommesse sportive, sui casinò e sul poker online che lo stato ha approvato un anno fa per autorizzare specificamente la liquidità del poker interstatale. I verticali di poker negli stati in cui tale attività è consentita hanno finora avuto difficoltà a causa della mancanza di una base di giocatori sufficientemente ampia.

New Jersey, Nevada e Delaware condividono giocatori di poker dal 2018, ma solo Caesars Interactive Entertainment e il suo partner 888 Holdings attualmente gestiscono siti di poker in tutti e tre gli stati. La Pennsylvania ha autorizzato il poker online ma deve ancora unirsi a questi altri stati in un pool di liquidità, in parte a causa di problemi legali.

Tali preoccupazioni derivano dalle persistenti domande sul fatto che il gioco d'azzardo transfrontaliero violi il Federal Wire Act del 1961, che vieta la trasmissione di informazioni sul gioco attraverso i confini statali. L'amministrazione Trump riteneva che il Wire Act si applicasse a forme di gioco d'azzardo al di là delle scommesse sportive, sebbene i tribunali finora non siano riusciti a sostenere questa opinione.

Il Michigan ha approvato i suoi primi 15 concessionari per il gioco d'azzardo online a dicembre e il mercato digitale dello stato dovrebbe essere lanciato ufficialmente questo mese. Data la cauta gestione da parte della Pennsylvania della questione della liquidità, sembra quasi certo che i giocatori di poker del Michigan si limiteranno a giocare l'uno contro l'altro nell'anno in corso.
Uno dei primi 15 licenziatari online del Michigan, PointsBet, ha annunciato questa settimana di aver firmato una partnership ufficiale per le scommesse sportive con i Detroit Pistons della NBA, aggiungendo l'ex grande Rip Hamilton dei Pistons come ambasciatore del marchio. PointsBet aveva precedentemente firmato una partnership simile con i Detroit Tigers della MLB.
Share