Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Garavaglia (Lega): 'Il poker live? Ipocrisia italica, tutti sanno ma non intervengono'

  • Scritto da Ca

Il senatore della Lega Massimo Garavaglia ha commentato la situazione italiana del poker live. 

Roma - "Cosa penso della pratica del poker live sul territorio italiano? Che è un tipico esempio dell'ipocrisia italica, tutti sanno ma fanno finta di non vedere". Poche parole ma lapidarie e che ci offrono il sentiment della politica italiana sui club dal vivo in cui si giocano l'hold'em e le sue varianti. A riferirle a Gioconews.it è il senatore della Lega Massimo Garavaglia a margine del convegno dal titolo “Primo rapporto sul gioco pubblico”, in corso ieri giovedì 28 novembre al centro congressi di Confcommercio Imprese per l’Italia a Roma e organizzato da Acadi, associazione concessionari di Giochi pubblici.
Ha tagliato corto il senatore leghista che, però fa capire (anche con lo sguardo) che la politica sa e non interviene. Assurde, in effetti, le posizioni ostracizzanti di tantissime amministrazioni locali contro sale scommesse o sale slot mentre vengono ignorate (per distanze da luoghi sensibili e limitazioni di gioco in determinate fasce orarie) vere e proprie poker room dislocate sul territorio nazionale. Un gioco di abilità e comunque permesso sia da tantissime sentenze e, perfino entro certi limiti, dalla Suprema Corte di Cassazione. Inoltre l'immobilismo dello Stato che avrebbe dovuto produrre un regolamento attuativo della legge del 2019 che prevedeva la messa a bando di 100 licenze di poker live, ha convinto molti giudici a rendere lecita l'organizzazione di tornei dal vivo sul territorio.
Come spesso abbiamo detto forse è preferibile che la politica non intervenga ma non sembra essere minimamente nei pensieri dell'esecutivo in sella adesso come non lo è stato di quello precedente.

Garavaglia ha toccato con Gioconews un altro tema molto caro ai pokeristi, quello del casinò di Campione d'Italia, location ideale per i tornei e il cash game ormai chiusa da due anni e mezzo: "Nella manovra fiscale c’è solo una norma su Campione d’Italia ed è negativa. La norma - secondo garavaglia - andrà a complicare ulteriormente la vita dei campionesi.  Il Governo non si rende conto di cosa sta facendo e siamo certi che a gennaio bisognerà intervenire d’urgenza per salvare il salvabile. Cosa faremmo noi? Servirebbe prorogare il regolamento europeo e valutare con la confederazione elvetica condizioni accettabili per i cittadini campionesi".
Riaprirà mai Campione? "La riapertura del casinò non è un’ipotesi da scartare perché quando eravamo noi al Governo avevamo intrapreso un percorso per arrivate a una soluzione ma non sembra avere la stessa priorità per l’Esecutivo attuale", ha concluso il senatore.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.