Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Wsop main event, quante tasse pagheranno il campione del mondo e i finalisti 2022?

  • Scritto da Cesare Antonini

L'analisi dell'esperto tributarista americano Russ Fox sul Wsop main event: quante tasse pagheranno il campione del mondo e i finalisti 2022?

Il campione del mondo World Series of poker 2022, il norvegese Espen Jorstad, ha fatto il pieno delle vincite e non pagherà un dollaro di tasse sui 10 milioni vinti così come il quarto classificato John Eames mentre il runner up Adrian Attenborough passa da 6 milioni a 3,6. Un piccolo incubo per il nono classificato Matthew Su che da 850mila bigliettoni se ne ritroverà netti in tasca 444mila.

Andiamo a vedere nel dettaglio come si sono ripartite le vincite e quali sono le posizioni finanziarie e tributarie dei 9 finalisti.

Partiamo dai numeri. Quest'anno, il Main Event ha avuto 8.663 partecipanti, ognuno dei quali ha guadagnato $10.000. Il montepremi è stato di $80.782.475 (la differenza sono i fondi tenuti da Caesars per gestire l'evento, rake e spese per i dealer e l’organizzazione). Ci concentriamo sul tavolo finale di dieci, ma 1.300 degli 8.663 hanno ricevuto vincite dal montepremi; un minimo in contanti valeva $ 15.000. Il vincitore ha ricevuto ben 10 milioni di dollari. ma questo è al lordo delle tasse.

Nel ragionamento vanno considerate le quote che molti players vendono su un buy in importante come quello da 10mila bigliettoni verdi. Un modo per ridurre il rischio ma che poi abbatte le cifre di cui i giocatori godranno effettivamente.

Il segreto per Epsen Uhlen Jorstad, che è un giocatore di poker professionista originario della Norvegia, è la sua residenza a Londra. Mr. Jorstad è anche un famoso streamer di poker su Twitch ed è anche un coach presso il sito di formazione di poker Run It Once. Il primo premio del signor Jorstad di $ 10 milioni sarà solo suo. Se avesse ancora risieduto in Norvegia, avrebbe visto l’abbattimento del 39% delle tasse. Tuttavia, in quanto residente nel Regno Unito, beneficia in primo luogo della convenzione fiscale tra gli Stati Uniti e il Regno Unito; le vincite di gioco sono esenti. Beneficia anche di come il gioco d'azzardo è tassato nel Regno Unito, o meglio, di come non è tassato. Soprattutto sulle vincite.

 

Ecco la tabella di Fox!

Winner Before-Tax Prize After-Tax Prize
1. Epsen Jorstad $10,000,000 $10,000,000
2. Adrian Attenborough $6,000,000 $3,611,125
4. John Eames $3,000,000 $3,000,000
3. Michael Duek $4,000,000 $2,406,936
5. Matija Dobric $2,250,000 $1,575,000
8. Phillipe Souki $1,075,000 $1,075,000
6. Jeffrey Farnes $1,750,000 $950,312
7. Aaron Duczak $1,350,000 $945,000
9. Matthew Su $850,675 $444,921
10. Asher Conniff $675,000 $349,598
Totals $30,950,675 $24,357,892

Al secondo posto c'era il già citato Mr. Attenborough. Originario dell'Australia, il signor Attenborough, ora risiede a Las Vegas. Giocatore di poker professionista, il signor Attenborough sarà debitore dell'imposta sul reddito e del lavoro autonomo negli Stati Uniti. Dei suoi $ 6 milioni di vincite, secondo le analisi di Russ Fox, EA, of Clayton Financial and Tax of Las Vegas, dovrà sborsare oltre $ 2.388.875 all'IRS; le sue vincite effettive al netto delle tasse sono stimate in $ 3.611.125. Le imposte statali sul reddito non sono un problema per il signor Attenborough: il Nevada non ha un'imposta sul reddito statale.

Al terzo posto Michael Duek che ha vinto $ 4 milioni. Il signor Duek risiede a Fort Lauderdale, in Florida, ma è originario dell'Argentina. Duek, un giocatore di poker professionista che si concentra sul Pot Limit Omaha, ha deciso di partecipare al Main Event che è un No Limit Hold'em. È stata un'ottima decisione e del suo terzo premio di $ 4 milioni finirà per pagare circa $ 1.593.064 di tasse all'IRS (come il Nevada, la Florida non ha l'imposta sul reddito statale) e manterrà $ 2.406.936 delle sue vincite.

John Eames, di Southport nel Regno Unito, è arrivato quarto per $ 3 milioni. Per lui, quindi, vale lo stesso discorso del primo classificato.

A finire al quinto posto per $2.250.000 è stato Matija Dobric di Slatina, Croazia. Dobric è un giocatore di poker professionista che gioca principalmente online, è arrivato 32esimo al Main Event del 2021 e quest'anno lo ha battuto. Gli Stati Uniti e la Croazia hanno appena completato la negoziazione di un trattato fiscale, ma oggi sicuramente non è ancora in vigore. Ciò significa che il 30% delle vincite del signor Dobric ($ 675.000) verrà trattenuto e rimesso all'IRS. La Croazia ha un'aliquota massima del 30% ma è probabile che il signor Dobric non debba nulla alla Croazia: dovrebbe poter prelevare un credito d'imposta sulla sua dichiarazione dei redditi croata per evitare la doppia imposizione del suo reddito. Pertanto, dovrebbe poter godere dei suoi $ 1.575.000 di vincite al netto delle tasse. O almeno spera che sarà così.

Il sesto posto è stato il primo di due giocatori di poker amatoriali al tavolo finale. Jeffrey Farnes, di Dallas, Oregon (vicino alla capitale dello stato dell'Oregon, Salem) ha concluso al sesto posto per $ 1.750.000. Essendo un giocatore di poker non professionista, non dovrà pagare la tassa sul lavoro autonomo. Tuttavia, come residente dell'Oregon, deve l'imposta sul reddito statale sul suo reddito mondiale. Per questo dovrebbe riuscire a trattenere solo $ 950.312 delle sue vincite, con $ 621.968 che andranno all'IRS e $ 177.720 al Dipartimento delle entrate dell'Oregon.

L'altro giocatore dilettante, Aaron Duczak di Kamloops, Canada (nella Columbia Britannica) ha concluso al settimo posto per $ 1.350.000. Il trattato fiscale USA-Canada specifica che i canadesi devono affrontare una ritenuta d'acconto del 30% sulle loro vincite al gioco, ma possono recuperare parte di questo in base alle perdite di gioco. Sembra che, sulla base della recente decisione della Tax Court of Canada nel caso che ha visto protagonista un ex campione del mondo come Duhamel  che alcuni giocatori professionisti in Canada dovranno pagare l'imposta sul reddito canadese. Duhamel, che ha vinto il Main Event 2010, è stato ritenuto un giocatore dilettante e non ha dovuto pagare quell’aliquota. Stesso destino anche per Duczak: quindi l'unica tassa che dovrà pagare sono i $ 405.000 trattenuti dall'IRS, mentre manterrà nelle sue disponibilità gli altri $ 945.000.

All'ottavo posto Phillipe Souki, anche lui residente a Londra. Il professionista francese si è anche trasferito nel Regno Unito per evitare la tassazione francese che colpisce molto duro. Il suo ottavo posto valeva $ 1.075.000 e riesce a tenerlo tutto per se. Se fosse rimasto in Francia, avrebbe dovuto pagare circa il 47,5% di tasse.

Il nono posto è stato Matthew Su. Giocatore di poker professionista residente a Washington, DC, non ha avuto molta fortuna al tavolo finale quando la sua coppia di regine ha perso contro la coppia di nove di un avversario. Su ha vinto $ 850.675. Questo è al lordo delle tasse visto che dovrà alle tasse circa il 47,70% delle sue vincite: $ 332.898 all'IRS e $ 72.856 all'Office of Tax and Revenue del Distretto di Columbia e rimarrà con appena $ 444.921.

Inutile sottolineare come la soluzione è quella di essere residenti a Londra (come il nostro Kanit) o a Vienna o in Austria in generale (vedi Sammartino e Speranza e altri ancora). Purtroppo per gli statunitensi è molto difficile: come illustra Fox “il problema è che gli americani pagano le tasse sul loro reddito mondiale anche se risiedono al di fuori degli Stati Uniti (soggetto ai trattati fiscali e al credito d'imposta estero per evitare la doppia imposizione). Un americano residente nel Regno Unito dovrebbe comunque pagare le tasse all'IRS sulle vincite al gioco d'azzardo”.

Share