Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Il 2019 l'anno dello Short Deck Poker anche alle Wsop di Las Vegas

  • Scritto da Cesare Antonini

Il 2019 può essere l'anno dell'ennesima consacrazione e del boom dello Short Deck Poker che potrebbe arrivare anche alle Wsop. 

Lo Short Deck Poker sempre più diffuso nel mercato mondiale. E qualche rumour lo dà anche nel nuovo schedule delle World Series Of Poker anche se, tra i primi eventi comunicati da Caesar Entertainment, la variante col mazzo ridotto non compariva ancora.
Di sicuro il 2018 è stato caratterizzato per l'introduzione di questa variante, molto semplice, ma che aumenta di molto l'aggressività dei players al tavolo da gioco modificando anche le strategie degli stessi conferendo una nuova sferzata di entusiasmo al gioco. Il poker e le strategie che possono svilupparsi offrono un ampio ventaglio di situazioni ma, ovviamente, lo "spartito" del No Limit Hold'em e delle sue varianti, è sempre quello. Per questo servono anche nuove varianti e innovazioni che, non sempre però, riescono ad attecchire nelle preferenze dei players che, comunque, sono molto "ortodossi" e "conservatori".
Lo Short Deck, noto anche come six-plus poker, ha avuto un enorme aumento di popolarità nel 2018 grazie a numerosi tornei high roller che hanno utilizzato il formato.

Una variante nota già da diversi anni. Ma il 2018 ha vissuto la sua affermazione dato che alcune delle più grandi serie di tornei al mondo includevano il formato tra le loro offerte. Con mani più grandi che creano più azione, il poker col mazzo ridotto dovrebbe continuare a attirare nuovi fan anche nel 2019.
Il boom di popolarità è stato senza dubbio il successo della tappa delle Triton Series in Montenegro dove lo Short Deck monopolizzò l'action e l'attenzione nei tornei e nel cash game. A maggio, poi, lo Short Deck è entrato definitivamente nello schedule.
L'evento si è rivelato popolare, anche a buy in molto alti. A 250.000 Hkd (32.000 $), 61 giocatori hanno partecipato compreso Phil Ivey che ha vinto il primo premio di 4,75 milioni di dollari di Hong Kong (610.000 dollari).
La serie Triton ha continuato a offrire eventi di poker a mazzo corto nelle sue tappe successive durante tutto l'anno, incluso in Corea, dove tre dei cinque eventi a Jeju hanno utilizzato il format.
Lo Short Deck è stato giocato per la prima volta nel 2014, guadagnando popolarità negli high stakes cash games di Macau e in Asia in generale. Il gioco si svolge come il Texas Hold'em, ma con le carte dal due al cinque che vengono rimosse dal mazzo prima del gioco, il che significa che vengono usate solo 36 carte. A causa di questo cambiamento, le probabilità della mano vengono alterate, col colore che torna sopra al full house nella scala di valore dei punti. Alcuni giochi di short deck hanno anche un tris al di sopra della scala, sebbene questo non fosse il caso dei tornei Triton del 2018.
Un torneo da $ 10.000 è stato incluso nelle Poker Masters Series del 2018 all'Aria Resort di Las Vegas di settembre. L'Aria ha anche annunciato di vedere come il formato ha giocato con un pubblico più ampio, annunciando che il 2 dicembre il casinò avrebbe sostituito due dei suoi tornei giornalieri di hold'em con eventi Sd per vedere se la variante si dimostrasse altrettanto popolare al di fuori del circuito high roller.
Naturalmente, il formato si sta diffondendo anche online, con Americas Cardroom che ha introdotto cash game in short deck a settembre. Poichè PokerStars sperimenta diversi formati, ci sono segnali che l'azienda potrebbe avere in programma di introdurre anche un mazzo corto al suo cliente nel prossimo futuro.
E adesso, gioco forza, anche le World Series potrebbero essere "costrette" a mettere nel programma 2019 qualche torneo Short Deck. High roller o no forse qualche braccialetto verrà assegnato per questa splendida specialità. Le Wsop hanno spesso dimostrato intelligenza in questi anni nell'ampliare l'offerta con format e strutture che avevano seguito e successo in altri circuiti. Un modo per rendere sempre più completo il campionato del mondo di poker che potrebbe regalarci anche il primo Wsop bracelet nella modalità in questione.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.