Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Casino Royale, ecco perché la mega sessione di poker tra Bond e LeChiffre funziona alla perfezione

  • Scritto da Cesare Antonini

La mega partita di poker tra Bond e LeChiffre in Casino Royale funziona perché c'è dietro un lavoro maniacale e tanto studio tra attori e consulenti. 

E’ entrata di diritto tra le migliori apparizioni cinematografiche per il poker. E’ la scena di Casino Royale, la maxi partita di cash game tra James Bond-Daniel Craig e Le Chiffre-Mads Mikkelsen che vale centinaia di milioni di dollari e in cui succede davvero di tutto. Ma se ha convinto tutti, nonostante il cooler filmesco finale con la scala reale centrata da James, è perché c’è stato un maxi lavoro dietro con tanto di un consulente esperto di poker ingaggiato dal regista Martin Campbell anche se la preoccupazione principale era dell’editor del film, Stuart Baird: "Era difficile pensare a come mantenere il pubblico impegnato in quei giochi di carte. Tutti erano terribilmente preoccupati che la gente si sarebbe annoiata”. Ma così non è stato. Ecco la storia raccontata dal sito Polygon.

IN PRINCIPIO FU IL BACCARAT -Adattando liberamente l'omonimo romanzo di Ian Fleming del 1953, gli sceneggiatori Neal Purvis, Robert Wade e Paul Haggis avevano sostituito il gioco originale del baccarat dell'autore con il Texas hold'em . Il gioco di carte, credevano, creava un dramma migliore: era conosciuto più ampiamente, richiedeva più abilità e offriva puntate più alte. Ma per Campbell, che non aveva mai preso un mazzo in mano, sembrava noioso. La preoccupazione era come animare il “drama” sul tavolo verde.  Il risultato è memorabile. Campbell l'ha risolto. La sequenza del casinò di circa 30 minuti gioca come un microcosmo magistrale del film: ha il suo arco narrativo, intervallato da punteggiature di combattimento e shock che sfidano la morte, e mostra l'abilità mentale e la mortalità di Bond. Ancora più importante, Craig ha dimostrato di essere capace di brividi temerari e di una grande raffinatezza nel sorseggiare martini, e ha sfruttato le sue abilità in una delle migliori rappresentazioni del poker nella storia del cinema. "Penso che la sequenza sia stata abbastanza convincente", dice Campbell. “Quello che capisci è che non sono solo i giochi di carte, ma la posta in gioco. Sono anche due ragazzi che si ‘scopano’ a vicenda, in pratica. Questo era il segreto”.

UNA GRANDE RICERCA DIETRO E I CONSULENTI WILSON E SAMBROOK -  Quando ha iniziato a girare Casino Royale a Praga, Campbell ha divorato i classici del gioco d'azzardo come The Cincinnati Kid e 5 Card Stud . Doveva capire il gioco a livello molecolare e si è appoggiato al produttore veterano Michael G. Wilson, che ha anche lavorato come consulente informale di poker, per insegnargli i dettagli. Poi c'era la strategia di ripresa tattica. Baird, che aveva montato la commedia western di Richard Donner del 1994 Maverick, aveva alcuni suggerimenti.

Per ottenere le sottigliezze del gioco, la produzione ha arruolato Tom Sambrook come consulente formale di poker. Mentre frequentava la scuola di recitazione a vent'anni, aveva iniziato a giocare a poker sul serio, diventando infine un professionista al Victoria Casino di Londra. Nel 2002 ha vinto l'European Poker Championship e nei tre anni successivi, con la migrazione del gioco verso l’online, Sambrook si è guadagnato da vivere battendo i novellini su Internet. Poi, nel 2005, attraverso l'agenzia di attori è arrivata una breve richiesta di qualcuno che aiutasse a dirigere un torneo di poker in Europa. "Non era davvero chiaro cosa fosse", dice Sambrook. "Ci sono andato, e solo allora, quando mi hanno spedito a Praga, dove ho incontrato Michael Wilson, mi sono reso conto che era un film di Bond".

LE LEZIONI AGLI ATTORI, LE PARTITE CON LA TROUPE - Campbell e la sua troupe hanno costruito e preparato il loro casinò improvvisato, un set che avrebbe dato al regista lo spazio per mettere la telecamera ovunque volesse, Sambrook ha iniziato ad addestrare più attori (alcuni per il torneo principale, altri per i giochi precedenti del film) per trasformare loro in giocatori dall'aspetto legittimo. Ha allestito piccoli tavoli e giocato più mani, istruendo durante tutto il processo. "Li prendevo per 15-20 minuti in una stanza in uno scantinato dei Barrandov [Studios], dove avevano allestito un tavolo da poker", dice. "In pratica, fornivo loro il minimo assoluto di cui avevano bisogno per sembrare che stessero giocando a questo gioco."

Fondamentalmente, spiega Sambrook, i giocatori di poker veterani operano con un'economia assoluta: gestiscono le loro carte, impilano le loro fiches e muovono gli occhi in modi piccoli ed efficienti. Con un piatto così grande in gioco, mostrare quelle sottili virtù era fondamentale. "Non c'è nessuno di questi grandi movimenti, niente di stravagante", dice Sambrook. "Sembra strano se arrivi al tavolo da poker con un sacco di atteggiamento ma non c'è molto da fare." Ha convinto gli attori a perdere i cliché e a sostituirli con un autentico processo decisionale. Ha tenuto una conferenza sull'aerodinamica del lancio delle fiches e sull'importanza di tenere le carte piatte sul tavolo. Per coinvolgere la troupe, Wilson ha anche scommesso una partita amichevole durante le ore di pausa della produzione per insegnare le regole. Alcuni membri del cast sono persino andati nei casinò di Praga per osservare il flusso naturale dei professionisti. "Sono un presbiteriano scozzese - odio il gioco d'azzardo", ammette Baird. “Penso che Daniel Craig abbia vinto [la nostra partita]. Io sono uscito dopo circa 15 minuti. " Aggiungendo un altro livello di autenticità al film, Campbell ha scelto Andreas Daniel, un ispettore austriaco di casinò che "sapeva fare tutti i trucchi", per essere il dealer ufficiale del film. "Sono stato davvero fortunato", dice Daniel. "La mia esperienza come dealer da giovane mi ha aiutato molto."

LUDOPATIA DA 007? - Quando sono iniziate le riprese a Karlovy Vary, il cast - inclusi Mads Mikkelsen e Jeffrey Wright - era diventato dipendente dal poker. "Giocavamo costantemente tra una ripresa e l'altra", ride Sambrook. Sebbene Sambrook avesse insegnato a Mikkelsen a far roteare le fiches intorno al dito e ad apparire come un professionista, l'attore danese e i suoi colleghi non potevano nascondere le loro abilità dilettantistiche. L'obiettivo estetico, ovviamente, è stato raggiunto. Per i nove giorni successivi, Campbell ha avuto a sua disposizione un cast di giocatori di poker dall'aspetto professionale, per non parlare di dealer, floorman e osservatori. "Ho pensato che fossero molto convincenti", dice Campbell, prima di riconoscere la sfida di girare tutto. "Sarebbe stato un esercizio matematico."

LE LOCATION - Casino Royale si svolge Praga, ma la vera sequenza del poker  si gioca in un hotel del Montenegro. All'interno, Bond è stato incaricato  dall'MI6 per giocare a un gioco di poker internazionale in stile hold'em ospitato da LeChiffre-Mikkelsen. Il cattivo del film spera che il gioco da 10 persone e 130 milioni di dollari possa aiutarlo a recuperare le sue recenti perdite finanziarie e placare i suoi clienti arrabbiati, solo dei terroristi globali. Sebbene la partecipazione di Bond significhi potenzialmente finanziare i criminali, è il miglior colpo della Gran Bretagna per mandare in bancarotta LeChiffre e porre fine alle sue transazioni clandestine.

BOND HAND REVIEW - In definitiva, solo tre mani contano in Casino Royale , e tutte presentano uno showdown tra Bond e LeChiffre. Il primo guarda Bond che perde le carte e perde intenzionalmente per scoprire il punto di LeChiffre; il secondo vede LeChiffre ingannare Bond ed eliminarlo dal tavolo con quad jacks; e il terzo colpo vede Bond tornare al torneo per riscattarsi con una scala colore. Nel frattempo, Bond beve un drink al veleno e si rianima in macchina con l’aiuto di Eva Green e uccide due assassini in una tromba delle scale. “Questa è una specie di Bond prima che diventi Bond, che pensa con il cuore invece che con la testa", dice Campbell. "Da un punto di vista drammatico, ognuno dei giochi di carte ha un buon climax [...] Il punto era che non lo avrei mai montato in un’unica sessione, penso che avrebbe messo alla prova la pazienza del pubblico”.

Per catturare l'intensità di ogni mano, Campbell ha seguito i primi consigli di Baird. Lui e il suo assistente alla regia hanno mappato le posizioni della telecamera ore prima che l'azione venisse chiamata, alla fine afferrando numerosi angoli e reazioni nelle riprese principali e nei primi piani. "È un esercizio di scuola di cinema mettere 10 persone attorno a un tavolo che si guardano l'un l'altra, dando una lezione sulle rughe degli occhi e sul modo in cui reagiscono l'un l'altro”. Affascinante.

LA CREDIBILITA’ DEL GIOCO SALVATA DAI DETTAGLI - Nella sceneggiatura originale, Bond va all-in una volta che vede la mossa di LeChiffre. In realtà, Sambrook ha inserito una move intermedia che induce l’avversario a mettere tutto nel mezzo. L’attenzione di Campbell era mostruosa: "Devi fare molta attenzione perché la maggior parte delle persone non lo saprà o non si preoccuperà, ma ci saranno giocatori di poker hardcore che noteranno ogni particolare”.

Nella mano finale del gioco, rimangono quattro concorrenti. Dopo numerosi check intorno al tavolo, il mazziere piazza una carta al river, fornendo una varietà di opportunità di colore e full. Due avversari vanno all-in, e dopo un lungo sguardo fisso con LeChiffre, "lo stallo messicano", suggerisce Campbell, anche Bond rischia tutta la sua pila di chip. Il cattivo ha la migliore combinazione di full e perde solo da una combo e spinge il suo stack al centro del tavolo. Dopo che ogni giocatore ha rivelato le sue carte, Bond fa una pausa drammatica e poi lancia un cinque e un sette di picche, completando un'improbabile scala colore e vincendo il mega pot.

La vittoria è emblematica del nuovo Bond: non è appariscente o ovvio. "Vince con una scala colore poco appariscente, piuttosto che con la scala reale all’Asso”, dice Sambrook. Nel corso dei quasi 15 anni dall'uscita del film, l'improbabilità della decisione di ogni giocatore di rischiare tutto è stata dibattuta su Reddit e da altri giocatori di poker . Ma Sambrook, che ha consigliato a Campbell la sequenza di puntate e bluff, sostiene l'improbabile scenario come un pay-off cinematografico molto divertente.

“Non è rappresentativo di una mano media. Ma il bello dell'hold'em è che crea queste fabbriche di follia”, dice il consulente di poker. “Ecco perché amo il gioco. Crea questa situazione molto vicina ed esplosiva. Una volta che hai un board così tutti pensano al flush o alla scala ma si insinua anche il dubbio, possibile che uno dei players abbia davvero scala colore?”.

LA MANCETTA DI CRAIG - Campbell lo stigmatizza come un errore ma non è anche se la mancia al dealer per quella scala reale è davvero esagerate. Bond lancia una chip da mezzo milione di dollari al dealer e il regista dice che “è un gesto carino ma non vale nulla al di fuori del contesto del gioco. Eh no caro regista. La mancia è decisamente esagerata, un 5mila dollari in proporzione per quel piatto forse sarebbero pochi, magari un 20-30k si possono dare a chi ti ha consegnato una scala colore su 600 milioni in ballo, ma il dealer può riscuotere eccome la sua mancia!

Share