Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Liv Boeree e Igor Kurganov: 'Addio PokerStars, le nostre strade si separano'

  • Scritto da Ca

Liv Boeree e Igor Kurganov lasceranno PokerStars per percorrere altre strade ma non abbandoneranno il poker. 

Igor Kurganov e Liv Boeree lasciano PokerStars. L’ultimo annuncio della room riguardo ai testimonial è stato l’ingaggio di altri tre combattenti dellìUfc. Per i puristi del poker questa è una mazzata: via la coppia più bella e forte al tavolo da gioco e dentro solo prodotti da marketing. Ma, tant’è. Gli annunci sono arrivati via Twitter. Kurganov ha scritto: “Io e Liv ci stiamo separando…Sono stati degli anni molto divertenti e sono grato per l’esperienza, l’enorme supporto a reg-charity.org e tutte le persone con cui ho collaborato. Ah, scusate, intendevo separarmi da PokerStars, non da Liv, ma quanto scritto sopra è valido per entrambi!”

Ok, ma perché? “Sono stati nove anni fantastici ma adesso è tempo per entrambi, per me e PokerStars, prendere due strade diverse. Vorrei ringraziare l’incredibile staff di supporto e i miei colleghi per la valanga di fantastici ricordi, mi mancherete tanto.”

Una notizia bomba che fa tremare il mondo del poker anche se i due sembrano davvero molto sereni. La Boeree era con PokerStars dal 2010, dopo il successo pazzesco all’Ept di Sanremo. Kurganov arrivò qualche anno dopo. 

Un addio che probabilmente è dovuto a tagli e cambi di strategia di marketing. Anche se, specie la Boeree, era utilissima per PokerStars visto il suo profilo poliedrico e non solo legato al settore del poker. 

Evidentemente la decisione deve essere consensuale o, comunque, arrivare anche dalla coppia che deve avere altro in mente per il futuro. 
La Boeree ha mille interessi, Kurganov non avrà problemi ad andare avanti nel poker dopo aver giocato high roller di grande livello. La sensazione è che, come per Negreanu e altri player, non ci “libereremo” dei due super pro. Anche perché abbandonare il programma caritatevole Reg Charity sarebbe un peccato.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.