Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Il poker live parte in ritardo tra Marche e Piemonte tra linee guida regionali e prudenza

  • Scritto da Cesare Antonini

Marche e Piemonte il poker live riparte in ritardo tra prudenza e norme regionali che vietavano il gioco delle carte. 

Hanno dovuto attendere fino a questo weekend i circoli di poker sportivo delle Marche. O meglio, almeno i principali che hanno preferito attendere lo sblocco di un divieto che rendeva impossibile “l’utilizzo di strumenti di gioco per i quali non è possibile una disinfezione ad ogni turno, come le carte da gioco e il mantenimento della distanza personale di almeno un metro”. Ma nel caso del poker live è stato ormai certificato il distanziamento sociale con tavoli da 4, 5 o al massimo 6 handed. “Vedo sui social foto di tornei dove c’è gente senza mascherina e altri che da 5 max sono già passati al 6 max con la mascherina e senza plexiglass e credo che tra poche settimane si tornerà al full ring”, il commento di un utente.

Ma alcuni organizzatori non si sono fidati e in molti sono ripartiti in ritardo con maggiore cautela. “Vorremmo aprire il prima possibile ma da quanto riportato ieri dal Decreto del Presidente dalla Giunta Regionale n. 203 del 15.06.2020 dobbiamo ancora aspettare qualche giorno per la vostra e nostra sicurezza”, il riferimento del club Paradise Combo Draw di Ancona, facendo riferimento alle Linee guida per la riapertura delle attività Economiche, produttive e ricreative della Conferenza delle Regioni e Province autonome del 11 giugno 2020 – DPCM 11 Giugno 2020 - Misure per la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 in materia di Cerimonie, Sagre e fiere locali, Strutture termali e Centri benessere, Congressi e grandi Eventi Fieristici, sale slot, sale giochi, sale bingo e sale scommesse, Discoteche.

E riapre anche la Mitch room di Alessandria che ha atteso “un paio di settimane abbondanti dopo il “liberi tutti” di mercoledì 3 giugno per valutarne le conseguenze. Le statistiche emerse in queste ultime ore sono più che incoraggianti. Tutti i dati sono positivi, non ci sono state ricadute e l'algoritmo RT così come l'indice dei contagi è in costante miglioramento sia in generale in Piemonte che nello specifico in Alessandria e province limitrofe. Possiamo quindi finalmente annunciarvi la ripartenza”, ha spiegato Fabrizio Basile della room in questione.

Come si riparte? “Per quanto siamo veramente felici di tornare ai tavoli a fare il nostro lavoro e offrire i nostri servizi come meglio possiamo, ci teniamo a sottolineare come il tutto avverrà in un clima ovattato e con alcune modifiche. Ed inevitabilmente ci sono vari aspetti che verranno meno o saranno parzialmente stravolti. Per esempio i tornei saranno tutti in modalità short-handed ( inizialmente 5 max successivamente valuteremo il 6 max) per garantire il distanziamento sociale”. Come ormai è prassi dappertutto.

E ad accompagnare anche un protocollo interno con tutte le norme igienico-sanitarie e comportamentali che saranno assolutamente imprescindibili.
Gli ultimi focolai sparsi per l’Italia fanno riflettere ma la situazione del Paese è decisamente migliore rispetto al boom del virus che ha paralizzato la penisola.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.