Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

YouTube ci ripensa sul poker e sul gioco: rispuntano i video censurati e ok ai link coi siti di gambling

  • Scritto da Cesare Antonini

YouTube fa marcia indietro e riapre al poker e al gioco d'azzardo recuperando i video cancellati e consentendo i link ai siti di gioco. 

YouTube riapre al poker e al gambling in generale. Ad annunciarlo il responsabile del gioco per la piattaforma, Lester Chen, che ha informato gli utenti del cambiamento nelle politiche del più importante aggregatore di video online del mondo.  Adesso i Poker Youtubers potranno addirittura includere collegamenti nei loro video che reindirizzano a siti di gioco e verranno recuperati anche alcuni video che erano stati bloccati nei mesi scorsi facendo montare la protesta del movimento ingiustamente discriminato.    

Sembra esserci luce alla fine del tunnel per i creatori di contenuti di poker di YouTube. Era il 2019 quando l’algoritmo della nota piattaforma di intrattenimento ha iniziato una crociata contro i contenuti relativi al poker eliminando innumerevoli video e persino chiudendo alcuni canali in modo permanente.

Molti YouTuber sono stati molto colpiti nonostante non violino i termini e le condizioni della piattaforma, ma l'algoritmo, si sa, non valuta e non si mette a fare valutazioni da caso a caso. Jaime Staples si è visto rimuovere 134 video rimossi tra i vlog e il suo canale di poker.

Ma la storia non è finita nel 2019. Nel febbraio 2020 l'algoritmo ha attaccato di nuovo erroneamente i contenuti relativi al poker nonostante non violassero alcuna politica della piattaforma. Molti canali, come quelli di Doug Polk hanno ricevuto "avvertimenti", molti video sono stati rimossi e nel complesso la situazione stava di nuovo peggiorando.

Il 25 giugno, il responsabile globale dei giochi di YouTube, Lester Chen, ha annunciato su Twitter di aver modificato le politiche di YouTube, consentendo nuovamente i collegamenti nei video che reindirizzano a siti Web correlati ai giochi. Naturalmente, questi siti devono aver precedentemente ottenuto l'approvazione YouTube o Google Ads.

Un'altra novità apportata da questo cambiamento nelle politiche della piattaforma è stata che molti utenti di YouTube sono stati in grado di recuperare video che erano stati bloccati dall'odiato algoritmo di YouTube.
Grandi notizie per l'intera comunità che sta nuovamente recuperando la libertà che aveva perso. Anche se la piattaforma fa marcia indietro probabilmente per rimettere mano sul traffico del gioco online.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.