Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Hugh Freyer, oltre 30 anni di 7 Card Stud Poker, morto a New York per colpa del Covid-19

  • Scritto da Ca

Hugh Freyer, banchiere, membro degli Alcolisti Anonimi e appassionato di Seven Card Stud, morto a 86 anni per complicazioni da coronavirus. 

Hugh P. Freyer ha giocato per oltre trenta anni a Seven Card Stud nel Bronx con un gruppo di compagni al tavolo verde che stavano recuperando dai problemi di alcol. La discrezione richiesta dal suo lavoro quotidiano come banchiere privato, unita all'autodisciplina richiesta dagli alcolisti anonimi, lo rendeva più prudente della maggior parte di quelli al tavolo. Lo scorso 14 luglio si è unito alla massa di vittime da coronavirus che sta falcidiando gli Stati Uniti d’America. In realtà è morto per complicazioni ma, senza Covid-19, a 86 anni, avrebbe potuto continuare a badare alla sua famiglia e a giocare a poker qualche altro anno in più.

"Aveva sempre un budget quando giocava, e non ha mai azzardato oltre i suoi mezzi", ha detto sua figlia, Carolyn Freyer-Jones, al New York Times.

La sua prudenza, ricordava, si estendeva oltre il poker: "Non aveva debiti, pagava le carte di credito che usava ogni mese e ha sempre pagato in anticipo le spese che pensava di dover affrontare anche dopo la sua morte”.

Il signor Freyer è stato ricoverato in un ospedale del Bronx il 20 giugno per problemi di pressione sanguigna. È risultato negativo al tampone da coronavirus, come aveva fatto una settimana prima quando era stato esaminato dal suo stesso medico.

Ma il giorno prima che doveva essere dimesso per passare alla riabilitazione, ha detto la signora Freyer-Jones, è stato trovato positivo. Nove giorni dopo, il 14 luglio, è morto in ospedale. Era il suo 86esimo compleanno. Ha detto che la causa erano complicazioni per il Covid-19.

Hugh Philip Freyer è nato il 14 luglio 1934 a Manhattan, figlio di Josephine (Shannon) Freyer, immigrata irlandese che lavorava come addetta alle pulizie all'ospedale di New York, e Hugh Freyer, un lavavetri che è nato in Sudafrica.

E’ cresciuto nel quartiere di Washington Heights e, dopo essersi diplomato alla George Washington High School, prestò servizio nell'esercito in Corea dal 1957 al 1959 come operatore radio. Ha iniziato a lavorare in quello che oggi è la Citibank nel 1959 e ha frequentato corsi serali alla New York University, conseguendo una laurea in economia nel 1967.

E’ passato al ruolo di direttore di filiale al vicepresidente aziendale, quindi si è trasferito nell'ufficio di New York della banca con sede a Londra Standard Chartered, dove è stato vicepresidente senior fino a quando non si è ritirato nel 2001 a 67 anni.

E’ stato membro di Alcolisti Anonimi per più di 50 anni, ha consigliato i pazienti del Roosevelt Hospital (ora Monte Sinai West) che erano stati ammessi per overdose di droga e alcol. Ha anche fatto parte del consiglio di amministrazione di A.A.
Sposò Gertrude Flexer nel 1956. Vivevano nella sezione Riverdale del Bronx. Ora lascia lei, la moglie, oltre alla loro figlia, è anche sopravvissuto dai loro figli, Philip e Paul Freyer; sette nipoti; e sua sorella Kathleen Harmon.
La prudenza dimostrata dal signor Freyer al tavolo da poker ha dato i suoi frutti, ha detto sua figlia. "Mio padre ha comprato a tutti i nipoti la loro prima macchina", ha detto. “Niente di speciale, solo buone auto usate. Si è assicurato nella sua volontà che ci fossero soldi messi da parte anche per la prima macchina di mia figlia”.
Share