Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Giochi di carte nei locali pubblici: una ventina di denunce dalle forze dell'ordine nel weekend

  • Scritto da Cesare Antonini

Controlli delle forze dell'ordine nel weekend con una ventina di persone scoperte a giocare a carte nei locali pubblici in barba alle norme anti covid-19. 

Si continua a giocare a carte in tante parti d’Italia, in locali pubblici, nonostante i divieti le zone rosse e le zone arancioni imposte dal Governo Conte e dal Ministro della Salute Speranza.  

A Bologna erano seduti ai tavolini di un bar a giocare a carte, molto vicini e tutti senza mascherina. Nel corso di un controllo i Carabinieri hanno multato 15 cittadini cinesi per violazione delle norme anti-covid. L'intervento è stato fatto in zona Corticella, prima periferia, dai militari della stazione Navile che hanno identificato e sanzionato tutti i soggetti.

In totale, nel Bolognese nel weekend sono state una trentina le multe elevate a persone che non rispettavano le prescrizioni, in diversi casi il divieto di uscire di casa senza valido motivo dopo le 22.

E nonostante le sale giochi, bingo e scommesse siano chiuse da molto prima di Natale, a Torre Annunziata la Polizia ha trovato aperto un locale di gioco pubblico dove c’erano anche  5 persone intente a giocare a carte e le hanno sanzionate, insieme al titolare, per inottemperanza alle misure anti Covid-19 per un importo totale di 2mila euro ed hanno disposto la chiusura dell’attività per cinque giorni anche perché non aveva adottato le misure idonee a garantire il rispetto delle norme di sicurezza sanitarie.
Nel comunicato stampa delle forze dell’ordine si legge che la sala era “aperta oltre l'orario consentito”: ma non esiste un orario consentito, tutti i giochi sono vietati dal vivo per i Dpcm del Governo.
Share