Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Niente poker e casino nel nuovo Bernabéu di Madrid ma il quotidiano Marca sbaglia tutto

  • Scritto da Ca

Non ci sarà un casinò all'interno del nuovo stadio Bernabéu ma i motivi addotti dal quotidiano Marca sono sbagliati. 

Niente casinò e quindi niente poker live all’interno del progetto del nuovo Bernabeu, il tempio del calcio del Real Madrid. Nei giorni scorsi era girata voce che fosse prevista, tra le altre infrastrutture, anche la costruzione di uno spazio dedicato all’azzardo. Tuttavia, come riporta Marca, i dirigenti del Real Madrid non hanno mai preso in considerazione tale ipotesi, e probabilmente mai lo faranno. Tuttavia il motivo non è proprio corretto: secondo Marca la legge spagnola non permette la costruzione di casinò all’interno delle città. Ma il casino di Barcellona si trova al centro e anche il casino de Madrid si trova a 16 minuti di macchina dal vecchio Bernabéu. Che poi la società decida di aprire nel nuovo stadio un ristorante, un museo una sala eventi, allora quelle sono scelte lecite. I lavori termineranno per il 2022 e se in un primo momento si parlava della possibilità che anche un albergo potesse essere ospitato all’interno della nuova struttura, alla fine l’utilizzo delle aree non sportive sarà indirizzato al museo del club bianco e alle aree commerciali, soprattutto per la distribuzione di prodotti legati al club.

Il ruolo principale sarà, come vuole la logica, il calcio, ma molti altri spettacoli sportivi e musicali e di intrattenimento avranno un posto al nuovo Bernabéu. Anche il basket del Real Madrid potrebbe giocare le sue partite prima della possibilità di dividere le tribune e lo spazio di gioco stesso.
L’obiettivo ultimo del Real Madrid, oltre a modernizzare l’impianto, è aumentare i giorni di utilizzo dello stadio. Prima della pandemia, i giorni medi di utilizzo effettivo annuali erano soltanto 30: l’obietto dei Blancos è raggiungere i 300 giorni di utilizzo all’anno.
Share