Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Sam Trickett preferisce la famiglia al poker e lascia 'party'

  • Scritto da Ca

Sam Trickett neo papà lascia partypoker per passare più tempo con la famiglia: ecco le sue dichiarazioni. 

"Ho fatto un sacco di amici e ho tantissimi ricordi che terrò con me per tutta la vita. E rimarrò un fan di partypoker per molto tempo”. E’ il tweet di Sam Trickett col quale lascia la room dal “diamante arancione” e chiude un lunghissimo periodo della sua vita molto florido nel poker. In effetti il campionissimo inglese era ormai molto distante dall’ambiente e uno dei motivi più importanti era la sua fresca paternità. Per questo e per altri motivi ha preso le distanze dal poker e ha colto l'occasione per annunciare la fine della sua collaborazione con partypoker. Trickett non rilasciava nessun messaggio dal 23 febbraio e il primo è stata la comunicazione per il suo sponsor: a 34 anni ha ora bisogno di passare del tempo con la sua famiglia.

"La mia vita è cambiata ultimamente e per avere l'opportunità di trascorrere più tempo con la mia famiglia ho deciso di interrompere il mio ruolo in partypoker per ora", ha spiegato il secondo classificato della prima edizione del Big One For One Drop che lo hanno fatto schizzare, insieme a tanti altri successi a circa 21 milioni di dollari vinti solo dal vivo.

"E 'stata una decisione difficile e voglio ringraziare tutta la squadra e le persone coinvolte", ha concluso Sam che avevamo conosciuto in una tappa Wpt organizzata da Tilt Events a Venezia. Abbiamo avuto anche il piacere di stare con lui nella Trickett room, una sala riservata a lui a Rob Yong a tutti i migliori players nella sala principale del Dusk Till Dawn di Nottingham. Anche lì sono volate cifre importanti sui tavoli tra champagne, vino, birre e piatti prelibati come filetti alla Wellington. Sam si è divertito e ad appena 34 anni ora è tempo di fare il papà con la sua splendida compagna! Online, poi, si può sempre giocare.
Share