Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Torna All In Channel con un nuovo modello di sviluppo per il poker

  • Scritto da Redazione Poker

All In Channel Entertainment and Communication con un nuovo modello di sviluppo per il poker basato sulla 'Comunità di pratica'. 

Potrebbe essere un bel segnale per il settore del poker, di sicuro una mossa assai coraggiosa: “All in Channel Entertainment and Communication è lieta di comunicare a tutti gli stakeholder di aver ripreso le attività dedicate al settore poker Texas Hold’em. Vuole farlo proponendo numerose innovazioni con l’obiettivo di fornire un concreto contributo ad alimentare la crescita del settore a favore di tutti i portatori di interesse, sia dal punto di vista economico che scientifico-culturale”.

A parlare è Pietro Semeraro, ceo dell’azienda. Secondo All in Channel “il mondo dell’organizzazione di tornei live di poker Texas Hold’em è destinato a cambiare radicalmente con il modello organizzativo del social enterprise”. Semeraro ha trattato il tema nella sua tesi universitaria illustrando il case study “Champions Crew”, con il quale introduce, pionieristicamente, nel settore poker il nuovo modello di struttura organizzativa basato sul concetto di “Comunità di Pratica” di Etienne Wenger (2006), sull’implementazione di un processo di digital trasformation di tutti i processi produttivi. “Il tutto - prosegue Semeraro - si completerà con l’introduzione dei prossimi digital table – e coadiuvato dall’adozione di strategie di business esclusivamente digital driven. Un dettagliato piano editoriale fornirà tutte le informazioni nel corso delle attività redazionali di All In News, redazione che, a sua volta, si è rinnovata nel look”.

Ritorna il tema del riconoscimento da parte del Coni del poker come disciplina sportiva, missione in cui hanno fallito già in molti: “Vi è la chiara volontà di porre in primo piano l’abilità rispetto all’aleatorietà, al fine di ottenere un riconoscimento dal Coni”. Nello stesso elaborato scientifico, infatti, il Ceo della casa editrice propone l’introduzione di nuovo modello di torneo di poker texas Hold’em dal vivo di livello professionistico, governato dagli Indici di Abilità, i modulatori delle componenti padia e ludus – a favore di quest’ultima – intrinseche ad ogni gioco o sport. In occasione della prima tappa in programma, si darà vita alla fase empirica dello studio scientifico.
Share