Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Il Covid 19 farà tornare indietro il gioco globale di 4 anni, l'online su del 2,5% nel 2020

  • Scritto da Cesare Antonini

Il gioco perderà l'11% a livello globale, circa 52 miliardi di dollari ma l'online crescerà dal 13,2 al 15,7% nonostante l'inevitabile calo delle scommesse. 

Le preoccupazioni globali per il coronavirus genereranno un calo dell'11% delle entrate previste per il gioco globale nel 2020  con una raccolta lorda ridotta dalle sue previsioni pre Covid - 19 da $ 473 miliardi a $ 421 miliardi ( vicino ai livelli del 2016), secondo gli analisti del settore che hanno rilasciato l’aggiornamento settimanale del Covid Impact Tracker di H2 Gambling Capital.

Mentre H2 Gambling Capital prevede un aumento delle attività online, con il settore del gioco d'azzardo online che passerà dal 13,2% a una quota del 15,7% delle entrate globali del gioco d'azzardo, la chiusura senza precedenti dei principali eventi sportivi in ​​tutto il mondo colpirà le entrate complessive in tutto il settore del gioco d'azzardo ( sia offline che online), specie nel betting, ovvio.

Attualmente i principali eventi sportivi sospesi o cancellati a causa del virus includono la Premier League inglese, la Liga spagnola, la Bundesliga tedesca, la nostra Serie A e la Champions League europea, nonché la major di golf The Masters e la ippica Grand National del Regno Unito - tutti eventi di grande richiamo per i bookmaker europei.
Il parere è stato commentato dal Segretario Generale della European Gaming and Betting Association (EGBA), Maarten Haijer. Nel 2018, i membri dell'EGBA hanno generato € 2,36 miliardi di entrate nelle scommesse sportive online, pari al 44% delle entrate totali del gioco d'azzardo online: "È triste che così tanti eventi sportivi attesi da tutti i cittadini d’Europa e del Mondo vengano annullati o sospesi e avrà ovviamente un impatto negativo sul nostro settore. Ma la sicurezza e la salute del pubblico sono ovviamente più importanti e sosteniamo pienamente le autorità sportive nelle difficili decisioni che hanno dovuto prendere e che devono affrontare in questo momento ”, ha concluso il segretario generale.
Share