Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Americas Cardroom: 'L'Uigea non vieta il poker online in Usa e tramite le cripto si può giocare'

  • Scritto da Gt

Americas Cardroom scrive ai players su come si può giocare legalmente negli Stati Uniti a poker online: la chiave sono le criptovalute. 

Chiamala se vuoi deception. Circola un articolo sul web di Americas Cardroom in cui la stessa sala da gioco online informa i suoi utenti su come giocare a poker online in maniera legale. Ma la room non possiede nessuna licenza statale e continua ad operare in maniera borderline coi players americani e anche di altre giurisdizioni europee, compresa l’Italia.

Non sta a noi giudicare le azioni di Acr ma il piano della room sembra piuttosto evidente: posizionarsi nel mercato ed uscire allo scoperto per sfidare le leggi che, di fatto e di diritto, ne vietano le operazioni. Ma la chiave sarebbe la precisazione sull’Uigea e la svolta nei metodi di pagamento, le criptovalute.

L'articolo, intitolato "Come giocare a poker online negli Stati Uniti legalmente, in modo sicuro e protetto" ed è presentato da Michael Harris, portavoce di Americas Cardroom: "Se hai passato del tempo a cercare informazioni su come giocare a poker online legalmente negli Stati Uniti, probabilmente hai riscontrato solo clickbait. Il fatto triste è che la maggior parte degli articoli sul web sul giocare legalmente a poker ti lasceranno con più domande che risposte ", ha dichiarato . "Nessun giocatore dovrebbe essere costretto a leggere articoli obsoleti, falsi o comunque incoerenti. Ecco perché abbiamo pubblicato un articolo di prim'ordine che copre tutto, dall'evoluzione del poker online legale negli Stati Uniti alle implicazioni finanziarie e fiscali obblighi”.

Una specie di vademecum su come non rischiare a giocare su una dot com, insomma, e come grindare serenamente sulla room in questione.

Addirittura l’articolo esplora la storia del poker online negli Stati Uniti, l'articolo fa conoscere al lettore l'Unlawful Internet Gambling Enforcement Act (UIGEA), che è il pezzo principale della legislazione federale che regola il gioco online. Nonostante la complessità dell'UIGEA, i lettori non richiederanno alcuna formazione legale per capire rapidamente come l'atto li riguarda.

L'articolo di Americas Cardroom continua esplorando questioni finanziarie, problemi di sicurezza, status distinto del poker, tecnologie emergenti come le criptovalute e considerazioni fiscali. Ci sono anche le FAQ che risponderanno rapidamente alle domande sul poker legate alla legge dei giocatori in pochi secondi.

La chiave della tesi di Acr è in questo passaggio in cui si precisano alcuni passaggi sulla Uigea e sui metodi di pagamento: “Sebbene molti giocatori credano che l'UIGEA proibisca ai residenti negli Stati Uniti di giocare a poker online, si sbagliano. Ciò che l'UIGEA fa effettivamente è vietare alle aziende di gioco d'azzardo di accettare pagamenti. La legge copre cinque diversi sistemi di pagamento, vale a dire sistemi di stanze di compensazione, sistemi di carte, sistemi di raccolta di assegni, sistemi di trasferimento bancario e attività di trasmissione di denaro. Considerando che la maggior parte delle sale da poker online che servivano il mercato americano nel 2009 operavano da paesi al di fuori degli Stati Uniti, l'onere maggiore dell'UIGEA era sulle istituzioni finanziarie statunitensi. La legislazione impone effettivamente alle banche e ai processori di pagamento di controllare e bloccare le transazioni di poker online.

In breve, l'UIGEA non fa menzione del poker online, né mira a controllare il gioco d'azzardo online. A parte gli aspetti finanziari, la legislazione ha poco da dire sul giocare a poker online. Per quanto riguarda questo atto, non vi è alcun divieto di visitare un sito di poker online negli Stati Uniti. A meno che tu non gestisca una banca o abbia intenzione di aprire la tua poker room online, è probabile che non ti interesserà molto dell'UIGEA.

Anche nelle giurisdizioni in cui lo stato del poker online legale è discutibile, effettuare un deposito generalmente non viola alcuna regola. Ancora una volta, le leggi federali degli Stati Uniti riguardano i processori di pagamento e i casinò stessi. Ancora più importante, nessun giocatore statunitense è mai stato accusato o multato per aver giocato in una sala da poker online.
Grazie all'emergere delle criptovalute, è possibile depositare e prelevare denaro senza fare affidamento sui sistemi di pagamento elencati nell'UIGEA. In effetti, alcuni dei più noti siti di poker statunitensi accettano bitcoin e dozzine di altri metodi di pagamento blockchain", concludono da Acr. 
Share