Logo

Cub3D, gli 'Spin and go' di Phil Galfond con premi più bassi e meno 'varianzosi'

Phil Galfond lancia i Cub3D, i nuovi sit an go a montepremi variabile che diminuiscono i premi e abbattono la varianza ma consolano anche i perdenti. 

Sembra un po’ in ritardo e con qualche problema di identità (Spin or not Spin?) ma Run it Once, la poker room all’avanguardia di Phil Galfond ha lanciato i nuovi sit and go Cub3D che dovrebbero, nelle intenzioni della sala, di rivoluzionare questo format e risolvere anche molti problemi, specie quelli della varianza che in molti lamentano sul grinding dei sit and go hyper turbo a montepremi variabile.

Galfond ha prodotto una riflessione sui sit and go di questo tipo evidenziando la necessità di bilanciare gli equilibri anche per chi è interessato dalla varianza. E’ un format che gli italiani non potranno mai provare a patto di trasferirsi in altre residenze fiscali ma queste info sono utilissime per capire le tendenze e, magari, copiare, perché no, eventuali modelli che funzionano.

I continui ritardi (oltre un anno e mezzo?) nello sviluppo del software hanno costretto lo staff senior di Run it una volta ad iniziare le  operazioni con un'offerta ridotta di giochi a solo pochi cash table.

L’innovazione è incentrata sul sistema di rake, gli avatar informativi che sostituiscono l'HUD, la selezione dei tavoli. L'idea era di risparmiare tempo e traffico con un prodotto limitato ma funzionale e attraente, e via aggiungendo SNG e tornei nel più breve tempo possibile.

Galfond ha ripensato ai suoi giorni da grinder  ed ha esaminato le ragioni del successo dei tornei noti come Expresso / Spins e fornisce la sua ricetta per migliorare questo tipo di gioco. Formato. Saranno una parte fondamentale della nuova lobby, che si intitola SNG Select.

Quali sono gli elementi da considerare nella redazione di un nuovo format? La varianza negli spin è determinante. La velocità di gioco e l'estrazione dei premi pre-partita aggiungono molta varianza ai giri di rulla.

“Questo punto è fondamentale, non solo nei sit, ma nel poker in generale. La relazione tra la varianza e le percentuali di vincita che i giocatori possono raggiungere è una questione che per me è importante per il futuro di lpoker quanto la lotta contro i bot o le nuove normative”, ha spiegato Galfond.

I format con poca varianza e un alto rapporto di perdita tolgono il divertimento a un gruppo di giocatori dilettanti che avrebbero più fortuna giocando alla roulette. Questo ha iniziato a essere un problema perché i professionisti hanno aumentato il loro vantaggio su questi giocatori e la qualità dei tavoli ne ha risentito.

“È un problema che si ripete - prosegue Phil - i tavoli peggiorano, i giocatori dilettanti cercano un altro hobby, se ne vanno e i tavoli diventano ancora più difficili. Ecco perché penso che sia una questione così importante”.

Ma ovviamente la più grande attrazione degli Spin sono i grandi premi che possono essere vinti: “La stragrande maggioranza dei giocatori non vincerà mai uno dei jackpot più grandi che finirà ad un piccolo gruppo di persone fortunate. Questo, in pratica, si traduce in un aumento del rake. La room costringe i giocatori a migliorare la loro percentuale di vittorie per essere un vincitore a lungo termine”.

Una cosa è dimostrare che un aumento della varianza è positivo per l'ecosistema e un altro è comprendere il costo emotivo e lo stress causati dai cattivi incantesimi che la varianza può causare.

“Se volete dirmi che i giocatori vincenti sono in grado di affrontare qualsiasi format che attiri giocatori amatoriali, hai perfettamente ragione. Loro hanno fatto. Altri sono passati ai tornei o hanno escogitato altri sistemi per diminuire la varianza. I giocatori vincenti troveranno un modo per partecipare ai formati più popolari, ma questo non significa che non dobbiamo preoccuparci anche di loro. E anche per chi preferisce ancora il formato classico, motivo per cui continua ad esistere, sebbene il suo traffico sia notevolmente diminuito. Il che ci porta al prossimo problema”.

Un altro problema che si alimenta da solo è quello della liquidità. Per ricevere traffico, è necessario traffico. Più giocatori si uniscono ai giochi, più facile è convincere nuovi giocatori a partecipare. “Quando abbiamo lanciato i nostri tavoli cash, abbiamo dovuto prendere una decisione difficile tra un formato fast fold o uno tradizionale. Nel caso delle sedute, la scelta tra gli spin tradizionali e le sedute è diventata un'agonia - prosegue Galfond - nel 2016, quando abbiamo iniziato a discuterne, i giri erano relativamente nuovi e hanno sollevato molte lamentele da parte dei giocatori. Ci siamo presentati come una “poker room di giocatori per giocatori” e temevamo che se fossimo usciti solo con i Sit & Go a montepremi a estrazione, la community ci avrebbe attaccato, ma non volevamo perdere il treno di un gioco così popolare. Fortunatamente, siamo giunti alla conclusione che, con il tempo e tutto ciò che abbiamo imparato da allora, sembra ancora la decisione giusta. Lo chiamiamo Sit & Go Select”.

La soluzione di Galfond, quindi, è il Sit and Go Select: “Scegli ciò che il giocatore preferisce, gioca a CUB3D o Classic, sarà integrato nello stesso pool di giocatori, che partecipano a sedute hyperturbo di tre partecipanti. Se scegli la modalità classica, avrai diritto a un premio fisso che conoscerai in anticipo e che corrisponde a una distribuzione più tradizionale dei premi, un vincitore prende tutto meno la rake. Se scegli CUB3D, giocherai alla nostra versione di Spins”.

Ecco la novità, quindi. “Il premio, come negli spin, sarà scelto a caso e può essere molto elevato. In CUB3D, il premio non è noto all'inizio del gioco, ma verrà messo da parte e bloccato nel cubo del player. Per conoscerlo il player dovrà vincere la partita e poi saprà cosa contiene il cubo. È un design divertente ma non molto raffinato. Abbiamo visto che, a volte, il nostro sistema può fallire (Glitch), il cubo perde energia e finisce per aprirsi anche se il giocatore perde la partita”.

Per lasciare un po’ di varianza in più la room ha pensato ai Glitch, premi che consistono nell'aggiungere una piccola quantità a tutte le posizioni di un giro, ma questo, ovviamente, sarà più evidente in caso di eliminazione. Oltre alla gioia di vincere un premio inaspettato, migliora un'esperienza altrimenti molto negativa, perdere il torneo e ci distingue chiaramente dalla concorrenza. “Dato che il Glitch deriva da una parte del buy-in cui non è applicata la rake, non possiamo renderlo molto grande senza influenzare i normali premi. Dovresti diminuire il numero di volte in cui i giocatori ricevono moltiplicatori migliori. Inizieremo con il 10% del buy-in e aspetteremo il feedback dei giocatori”. Ora, però, ad autunno 2020, i nuovi sit and go dovrebbero essere pronti davvero.
© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.