Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

888 Holdings e Caesars prolungano l'accordo fino al 2026 per il poker online Usa

  • Scritto da Gt

888 Holdings ha prolungato il deal con Caesars Interactive Entertainment fino al 2026 e il poker online Usa potrà contare su una piattaforma già online. 

Mercoledì 888 Holdings ha prolungato un accordo software con Caesars Interactive Entertainment, la società madre delle World Series of Poker e il suo marchio online, Wsop.com, durerà per almeno altri cinque anni. Fino al 2026, l'accordo si applicherà alle piattaforme non solo negli stati in cui attualmente opera Wsop.com/888, ma includerà probabilmente anche qualsiasi stato americano in cui il poker online sarà legalizzato e regolamentato nei prossimi cinque anni. Wsop.com potrebbe essere in fase di trasformazione, ma il software sottostante che alimenta la sua azione, fornito da 888 Holdings, rimarrà lo stesso, secondo un accordo rivelato mercoledì.

888 ha annunciato a gennaio che il suo rapporto di lunga data con le WSOP sarebbe continuato, sebbene il suo obiettivo principale fosse l'introduzione di una piattaforma software evoluta come Poker 8, che ha debuttato in Europa nel 2020. Lunedì, nella sua presentazione dei risultati per il 2020 anno fiscale, 888 ha rivelato dettagli sia sulla durata che sulla portata dell'accordo.

Secondo 888, “The Group è stato lieto di annunciare un'estensione pluriennale della sua esclusiva partnership di poker B2B con Caesars Interactive Entertainment . Il nuovo accordo con CIE vedrà 888 continuare ad alimentare le sale da poker online del prestigioso marchio World Series of Poker ('WSOP') fino al 2026, consentendo a 888 di continuare a alimentare l'unica rete di poker di liquidità con giocatori condivisi interstatali del mercato statunitense attraverso il New Jersey, Delaware, e Nevada”.

Tramite la sua piattaforma gestita da 888, i giocatori di cash game in Nevada, New Jersey e Delaware possono competere l'uno contro l'altro. I giocatori del Nevada e del New Jersey sono anche in grado di competere insieme nelle offerte di tornei, sebbene i giocatori del Delaware siano bloccati dal gioco del torneo a causa delle limitazioni del Multi-State Internet Gaming Agreement (MSIGA), in cui Delaware collabora con gli altri due stati.

Altri stati statunitensi regolamentati figurano nei piani della partnership estesa. Secondo 888, "Il nuovo accordo vedrà 888 continuare a potenziare le sale da poker online del marchio World Series of Poker (" WSOP ") mentre la Società pianifica il suo ingresso in nuovi mercati regolamentati tra cui Michigan e Pennsylvania".

Entrambi gli stati sono aggiunti di recente alla rosa dei mercati regolamentati del poker online degli Stati Uniti, sebbene l'annuncio di 888 confermi il desiderio di Wsop.com di espandersi in tutto il paese. Caesars ha trascinato i piedi dopo il lancio del poker online legale in Pennsylvania, a partire dalla fine del 2019. Caesars gestisce già un sito online di Harrah's Casino nello stato, ma dovrebbe aggiungere licenze di poker online a $ 2,5 milioni all'anno per portare il marchio Wsop.com a Pennsylvania. L'esitazione di Caesars era dovuta all'elevato costo della licenza e alla persistente incertezza sul destino legale del Wire Act del 1961, che fino a poco tempo fa era stato sostenuto dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti nonostante fosse stato effettivamente dichiarato incostituzionale nel 2019.

Nel Michigan, che ha visto una crescita esplosiva da quando il poker online è stato lanciato appena due mesi fa, il percorso di Caesars verso il mercato è meno chiaro. Caesars non ha proprietà di casinò nello stato e probabilmente avrebbe bisogno di collaborare con uno dei tre casinò dell'area di Detroit di proprietà di società rivali, oppure collaborare con una delle numerose grandi operazioni di casinò tribali.

La relazione tra 888 e Caesars è una delle più longeve nel mondo del gioco d'azzardo tra aziende che non si sono fuse: almeno fino ad oggi. Caesars non ha mai posseduto una piattaforma nativa di gioco d'azzardo online e ha collaborato con 888 per gestire le sue operazioni di poker online WSOP.com dal 2013, quando il marchio è diventato disponibile per la prima volta negli Stati Uniti, come analizza Cardschat.
La relazione si estende anche all'arena del poker dal vivo. Dal 2015, 888 è stato lo sponsor ufficiale delle World Series of Poker, apparendo sui feltri dei tavoli e in molti altri luoghi della sede delle WSOP al Rio All-Suite Hotel and Casino di Las Vegas. Quell'accordo continuo include le WSOP 2021, che intende svolgersi questo autunno, anche se le date devono ancora essere specificate.
Share