Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Mike Wargin su poker online: 'Industria cresce, arriveranno nuovi player'

  • Scritto da Daniele Duso

Nuove norme sul gioco d’azzardo online potrebbero portare novità anche sul poker online negli Usa, ad oggi legale solo in cinque stati.

Mike Wargin, Best of Colorado, interviene sulle ultime notizie relative alle scommesse sportive negli Stati Uniti e all'apertura di vari stati alle piattaforme di gioco d'azzardo. Un mercato in evoluzione, quello del Nord America, che ha vissuto numerosi stravolgimenti negli

“A seguito dell'abrogazione del 2018 del Professional and Amateur Sports Betting Act (Paspa)”, spiega Wargin, “i governi statali sono stati autorizzati a creare e approvare le proprie leggi in materia di gioco d'azzardo online e nei casinò. Da allora, diversi stati in tutta la nazione hanno detto la loro, in qualche modo, sul poker online, portando allo sviluppo di numerose piattaforme e tecnologie di scommesse”. Con l’introduzione di nuove norme da parte di altri stati è probabile, secondo Mike Best of Colorado, un cambiamento ulteriore nei prossimi mesi.

Ad oggi”, ricorda Wargin, “il poker online negli Usa è legale solo in cinque stati: nel Nevada, nel Delaware e nel New Jersey legalizzato dal 2013 con indennità speciali, in Pennsylvania, legalizzato per la prima volta nel 2017 e in Michigan, dove è stato legalizzato per la prima volta nel 2020”.

Le prossime aperture potrebbero arrivare da West Virginia, che sta già legiferando in merito, mentre anche il Connecticut e l'Illinois sembrano pronti a legalizzare il gioco online. Diversi altri stati nel frattempo hanno legalizzato le scommesse sportive online, ma devono ancora introdurre il poker online legalizzato.

“Anche se i numeri non sono pubblici per tutti gli stati, la crescita del poker online è stata esponenziale negli anni”, spiega ancora Mike Wargin, “da quando è stato legalizzato per la prima volta. In Nevada, il primo stato a legalizzare il poker online, il numero di giocatori e la quantità di denaro scommessa sono entrambi aumentati di anno in anno”.

in particolare “da quando la pandemia di Covid-19 ha chiuso molti casinò, i giocatori si sono rivolti a internet per giocare e, nel solo Delaware, i siti di poker online hanno visto aumentare le loro entrate fino al 45,7 percento. Questa crescita sarà sicuramente replicata in tutto il settore”, continua Mike Best of Colorado, a maggior ragione dopo che nuove piattaforme online sono spuntate per venire incontro alle richieste del mercato.

Ad oggi il mercato è dominato da da cinque player che sono PokerStars, Wsop, BetMgm, 888 Poker e Borgata. I prossimi ad arrivare potrebbero essere importanti marchi di casinò, come Caesars e BetOnline. “Ma nonostante la crescita senza precedenti negli ultimi anni, l'industria del poker online deve ancora affrontare sfide significative, in particolare a livello legislativo”, spiega Wargin.” Sia alle Hawaii che nello Utah, il gioco d'azzardo online è illegittimo ai sensi della legislazione statale. Inoltre, il governo federale impone ancora restrizioni che limitano l'accesso dei giocatori alle piattaforme di gioco online”.

Ai sensi dell'attuale Unlawful Internet Gambling Enforcement Act (Uiges), infatti, il governo federale ha il potere di limitare i pagamenti con carta ai siti di gioco d'azzardo, una norma restrittiva che porta molti giocatori ad aggirarla, pagando con e-wallet. “Ad oggi”, continua Wargin, “non è chiaro se i legislatori federali alla fine modificheranno le restrizioni, anche se sembrano andare contro i diritti dello stato di approvare una legislazione in materia di gioco d'azzardo online. Per ora, i giocatori dovranno seguire le leggi federali e trovare metodi di pagamento alternativi per aggirare il regolamento”.

Share