Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Buonocore è il miglior premio italiano a metà Wsop 2019: il braccialetto a super Cheong

  • Scritto da Cesare Antonini

Andrea Buonocore è il miglior cash italiano vinto alle Wsop a metà Series: il braccialetto va al rullocompressore Joe Cheong. 

Andrea Buonocore finisce quarto al $ 1,000 Double Stack No-Limit Hold'em, niente braccialetto ma, a metà Wsop, è suo il miglior cash italiano delle series con ben 235mila euro incassati. Ha resistito due posizioni del final table a sei e poi si è dovuto arrendere con un certo Joe "subiime" Cheong (come l’hanno ribattezzato sul blog ufficiale) che ha conquistato il primo braccialetto d'oro della World Series of Poker facendo davvero il vuoto dietro di sé e assicurandosi ben 687mila dollari. Certo, per uno come lui che chiuse terzo nel final table mitico di Filippo Candio nel 2010, quando vinse 4,1 milioni di dollari, si tratta dell’ennesima conferma visto che sale a 14 milioni di dollari vinti in carriera, di cui 7 alle World Series. E’ uno dei più continui e sempre presente in 10 anni sulle scende del poker internazionale. Ha vinto già 3 anelli Wsop Circuit, è stato November Niner e ora ha anche il braccialetto che ha fortemente voluto vista la massive chip leading del final table.

Ma torniamo a Buonocore. E’ il miglior itm perché Sammartino e Bognanni hanno vinto 184mila dollari a testa, “Benjamin più Benjamin meno”. In carriera aveva vinto oltre 90mila dollari, quest’anno aveva già centrato due cash qui alle World Series e ha deeprunnato lo scorso anno al main vent che abbiamo seguito da vicino.

Purtroppo Cheong è stato un rullo compressore e ha chiuso la pratica in appena due ore di gioco. Se non è record poco ci manca? Andrea era ottimista e, in effetti, ha massimizzato il più possibile. Ma i problemi venivano da prima: “C’erano molti short stack che non mi hanno fatto giocare per icm e ho dovuto foldare come una macchina. Domani è un altro giorno e se si mette bene sarà diverso”. Ma ovviamente era assai complicato contrastare Cheong, non per mancanza di skills ma per un count davvero impossibile.

A resistere un po’ è stato il player della Florida, David Ivers che si è assicurato 424mila dollari. Il terzo posto nell'Event # 34 è andato a Weihai, il cinese Zinan "Jason" Xu, che non è riuscito a migliorare la sua posizione di inizio giornata prima di essere eliminato da Cheong.
L’Event #34, $1,000 Double Stack No-Limit Hold'em, ha raccolto 6,214 entries e generato una prize pool di $1,146,800 con 932 players a premio e un min-cash da $1,499.
 
Altri notables a premio? Annotiamo Jack Sinclair (27th, $23,701), Denis Timofeev (49th, $12,670), Timur Margolin (50th, $12,670), Alexander Ziskin (59th, $12,447), Alan Cutler (76th, $7,278), Marcel Vonk (81st, $7,278), Steve van Zadelhoff (92nd, $5,240), e Tyler Patterson (102nd, $4,501).
 
 
Final-Table Payouts:
1st: Joseph Cheong, $687,772
2nd: David Ivers, $424,791
3rd: Zinan Xu, $314,876
4th: Andrea Buonocore, $235,099
5th: Arianna Son, $176,820
6th: Ido Ashkenazi, $133,970
7th: David Guay, $102,258
8th: Ivan Deyra, $78,638
9th: Brock Wilson, $60,930
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.